Robot con pelle artificiale sensibile, l’innovazione del MIT

Robot con pelle artificiale sensibile, l’innovazione del MIT

Con una speciale copertura stampata in 3D, questi automi possono ricevere una serie di informazioni più profonde dall'esperienza

da in Curiosità Tech, Prodotti Tecnologia, Robot, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    Robot con pelle sensibile stampata in 3D

    La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo e non solo funge da protezione per tutto ciò che sta all’interno, ma è anche un potente strumento sensoriale. Allo stesso modo, i nuovi robot sviluppati dal MIT possono contare su una pelle artificiale che si muove in entrambe le direzioni operando in ambo i compiti. Direttamente dal Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) arrivano i primi prototipi di questa tecnologia che sfrutta naturalmente le stampanti 3D per la realizzazione di questo materiale soffice. Qui sopra un video dimostrativo, scopriamone di più e addentriamoci in questa innovazione dopo la continuazione.

    La pelle artificiale, così come quella naturale, può proteggere dalle cadute e dalle collisioni e al tempo stesso raccoglie tonnellate di informazioni sull’ambiente così da poter operare movimenti più precisi e puntuali. Il Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) ha messo a punto un materiale morbido e malleabile chiamato PVM ossia Programmable viscoelastic material che si presenta elastico e reattivo in ogni movimento. La stampante 3D crea questa copertura sensibile aggiungendo strato dopo strato in combinazione con una luce ultravioletta per solidificare le zone che invece non rimangono liquide.

    mit softbots

    Il risultato è un robottino cubico con un corpo rigido, due motori, un micro-controller, batteria, quattro strati con materiale metallico e un propulsore per il movimento.

    Inoltre, sensori vari per la misurazione delle informazioni. Quali applicazioni potrebbe avere questa tecnologia? Potrebbe prolungare di molto la vita di droni, migliorare la qualità di accessori come elmetti di sicurezza o scarpe da corsa e proteggere in modo più efficiente fotocamere e sensori.

    320

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Curiosità TechProdotti TecnologiaRobotTecnologia

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI