Le 5 cose più strane che sono state portate nello spazio

Da un succulento panino a contenuti per adulti soft-core per alleggerire l'esperienza in orbita, la top five

da , il

    Nello spazio sono stati portati oggetti davvero strani e inaspettati. Tutti si ricordano dei bastoni da golf grazie ai quali si è provato uno swing non soltanto sulla Luna, ma anche in orbita terrestre. Ebbene, l’elenco è assai più nutrito e regala delle belle sorprese. In questo piccolo approfondimento andremo infatti a elencare le cose più sorprendenti che l’uomo ha portato in orbita oppure ha posato sul terreno del nostro unico satellite naturale.

    Un panino

    Come è noto, il cibo nello spazio è differente da quello che si mangia sulla Terra perché deve rispettare determinate regole e modalità di consumo. Eppure, durante la missione Gemini 3 nel 1965, l’astronauta John Young nascose sapientemente un gustoso panino al manzo all’interno della sua tuta. Era peraltro il sandwich preferito dal suo collega Gus Grissom, col quale lo condivise durante una delle tre orbite.

    Un’armonica

    Il primo a suonare uno strumento musicale al di fuori dell’atmosfera terrestre fu l’astronauta Wally Shirra che si portò dietro una armonica a bocca durante la missione Gemini 6. Si esibì con un classico come Jingle Bells.

    Tavole di numeri a caso

    Edgar Mitchell della missione Apollo 14 nel Gennaio 1971 portò con sé tavole con numeri a caso che servivano per un esperimento sulla percezione extra-sensoriale. Doveva infatti focalizzarsi su una delle cifre per 15 secondi pensandola intensamente cercando di “trasmetterla” a terra.

    L’astronauta caduto

    Sulla Luna giace un’opera d’arte chiamata Fallen Astronaut ossia l’Astronauta Caduto, di 8.5 centimetri che è stata realizzata dallo scultore Paul Van Hoeydonck e che è stata deposta dalla missione Apollo 15. Vicino, c’è una targa con i nomi degli astronauti e cosmonauti morti durante incidenti.

    Foto per adulti

    Un po’ di spirito da camerata non ha mai fatto male e la truppa Apollo 12 composta da tutti Navy si è portata in orbita un po’ di foto piccanti da visualizzare nella solitudine dello spazio. Nello specifico erano foto di conigliette di Playboy infilate tra i fogli dell’elenco attività extra-veicolari da svolgere.