AdBlock Plus, la nuova piattaforma che tollera la pubblicità online non invasiva

AdBlock Plus, la nuova piattaforma che tollera la pubblicità online non invasiva

Una bella trovata che spingerà gli advertiser a creare pubblicità che valgano la pena essere visitate

da in Internet, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    AdBlock Plus, la nuova piattaforma che tollera la pubblicità online non invasiva

    È in arrivo AdBlock Plus, la nuova piattaforma di AdBlock che permetterà alla pubblicità non invasiva di essere visionata dagli utenti. Moltissimi internauti utilizzano i servizi di blocco delle pubblicità e, a dirla tutta, a volte sono necessari al fine di non attivare qualche propozione a pagamento o, peggio, scaricare inconsciamente qualche virus sul proprio Pc, ma così facendo si va a dare un pesante colpo a quella che è l’online advertising economy, cioè il business che gira dietro un annuncio pubblicitario online, creando gravi problemi a persone che hanno lavorato per mettere insieme quel messaggio. Una soluzione che accontenti i naviganti della rete e gli advertiser, però, sembra essere stata trovata.

    adblock_plus

    Si chiama AdBlock Plus ed è un servizio molto simile al classico AdBlock che tutti conosciamo, ma che, al posto di cancellare dalla nostra vista ogni tipo di annuncio pubblicitario, ci permetterà di vedere quelli che seguiranno dei canoni di “non invasività” così da rendere l’esperienza di navigazione più piacevole ed, al contempo, premiare gli advertiser che sono riusciti a creare una pubblicità che non dia fastidio e che valga la pena essere visitata.

    Quali requisiti dovrà incontrare un ad per non essere spedito, seduta stante, nella lista nera di AdBlock Plus? Secondo quanto apparso in rete, ci sono 2 motivi principali per i quali una pubblicità può essere considerata non idonea: invasività, con banner troppo grandi o a luce pulsante, e compromissione dell’esperienza di navigazione, con pulsanti di accesso alla pubblicità posti in posizioni strategiche che sicuramente saranno cliccate.

    Till Faida, co-fondatore di AdBlock Plus, ha spiegato come, in principio, AdBlock fosse stato ideato per rendere la navigazione più fluida e meno “spezzettata” in un periodo in cui i banner pubblicitari apparivano ogni secondo e non vi era modo di fermarli, ma tutto ciò non voleva assolutamente andare contro chi fa dell’onesto online advertising una forma di introito: “col nuovo servizio Plus, sia gli utenti che vogliono avere una tranquilla esperienza di navigazione in rete sia gli onesti advertiser potranno godere di enormi benefici”.

    In altre parole, chi vuole inserire degli ads sul proprio sito internet, potrà farlo a patto che questi non minino l’esperienza di navigazione degli utenti, ricevendo l’80% del pagamento di ogni click e dando il restante 20% ad altri partner, tra cui AdBlock Plus che ne riceverà il 6%.

    AdBlock Plus ci sembra una bella trovata non solo per retribuire persone che sono dietro ad un corretto ed onesto online advertising, ma anche per spronare questa gente a creare delle pubblicità diverse, innovative che siano effettivamente utili a migliorare l’esperienza di navigazione degli internauti. Bisogna riconoscere dei meriti a chi fa un buon lavoro e questo nuovo servizio potrebbe essere un buon metodo per valorizzare una categoria di lavoratori che spesso non viene nemmeno considerata durante le proprie navigazioni in rete.

    554

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InternetTecnologia Ultimo aggiornamento: Martedì 20/09/2016 10:31
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI