iPhone 7 Plus: in coda per primo al mondo, torna a mani vuote

iPhone 7 Plus: in coda per primo al mondo, torna a mani vuote

La triste storia di un australiano che è diventato tristemente famoso per aver fatto una lunga fila invano

da in Apple, Curiosità Tech, iPhone, Prodotti Tecnologia, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    iPhone 7 Plus: in coda per primo al mondo, torna a mani vuote

    Questa è la triste storia di quello che chiameremo “l’australiano in coda”, che ha vissuto momenti non così simpatici dopo aver conquistato una popolarità notevole. C’entra Apple e il suo nuovo iPhone 7, nello specifico il modello phablet iPhone 7 Plus, c’entra la moda di mettersi in coda il prima possibile e c’entra naturalmente la sfiga che arriva implacabile a frantumartisi addosso quando meno te lo aspetti. Ingredienti succulenti per una storia che è diventata virale e che andremo ora a raccontarvi.

    Come forse tutti ormai sapete, iPhone 7 e iPhone 7 Plus sono pronti a debuttare in tutti i paesi considerati di prima fascia da Apple, compresa da questa volta anche l’Italia, oggi 16 settembre 2016. Ebbene, l’australiano in coda era uno di quegli appassionati che si era messo in coda da tanto, troppo tempo. Diciamo pure che è stato il primo a attendere in tutto il mondo.

    Per essere il primo a mettere le manacce sui nuovi melafonini e essere ricordato per quei pochi minuti, magari al massimo un giorno. E per tornare a casa con uno stipendio in meno in una botta, ma questo è un altro discorso.

    Ebbene, l’australiano in coda è stato intervistato da TV locali, siti web e radio, indossava anche un cappello da coniglio per rendersi più visibile.

    Ma a poche ore dalla messa in commercio ecco la batosta: uno dei responsabili dell’Apple Store esce e grida a tutti “Non ci saranno iPhone 7 Plus disponibili, mi spiace”. Niente, ciccia. Che storia triste, ma non tristissima: l’australiano in coda e i suoi amici hanno ricevuto un contentino ossia un voucher regalo da 100 dollari da spendere in prodotti Apple.

    319

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AppleCuriosità TechiPhoneProdotti TecnologiaTecnologia

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI