Truffe online, l’ultima trovata per prosciugare il conto PostePay

Truffe online, l’ultima trovata per prosciugare il conto PostePay

Questo metodo è alquanto elaborato, ma basta poco per capire che si tratti di una presa in giro

da in Sicurezza Informatica, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    Truffe online, l’ultima trovata per prosciugare il conto PostePay

    Sappiamo che ogni giorno ci sono nuove truffe online che colgono di sorpresa i meno attenti, ma di recente è stata scoperta una nuova modalità di rapina che coinvolge gli SMS ed il conto PostePay. Siamo soliti mettervi in guardia da nuove ed elaborate truffe, ma, spesso, l’attenzione non basta e si viene colti alla sprovvista. Speriamo che questo avvertimento possa tenere i vostri risparmi al sicuro.

    sms

    Arriva via SMS la nuova truffa che coinvolge il conto PostePay e che ha già fatto registrare un gran numero di colpi andati a segno. Al malcapitato di turno, arriva un messaggio sul cellulare che recita “Notifica Postepay. Accesso errato ai Suoi servizi on line. Esegui subito la verifica dei Suoi dati sul nostro sito” e, premendo sul link, si viene reindirizzati al sito internet www.posteid.bid. A questo punto, viene chiesto di inserire i propri dati e, in pochissimo tempo, i soldi vengono rubati.

    Se per i più esperti ed attenti è facile capire che il tutto si tratti di una truffa, molte persone, prese dalla tensione di ricevere un messaggio di questo tipo, non esitano ad inserire i propri dati sul sito che commette il fattaccio. Come facciamo a capire che il messaggio che ci arriva è un falso? Innanzitutto, l’SMS non è scritto in un Italiano corretto, cosa che dovrebbe saltare subito all’occhio, ma, anche se per sbaglio si entra nel link allegato, è facile capire che il sito sul quale si è arrivati non può essere di proprietà di Poste Italiane, a causa dello stile e della scarsa fattura dei quali è composto.

    sms

    Fino ad ora ci sono stati parecchi casi registrati di truffa andata a buon fine, ma, con un po’ di attenzione ai dettagli e di sale in zucca, non dovreste avere problemi a tenere al sicuro i vostri soldi da questo tentativo di furto informatico.

    412

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Sicurezza InformaticaTecnologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI