Privacy online: come eliminare i dati dalle foto condivise

Privacy online: come eliminare i dati dalle foto condivise
da in Guide Tech, Internet, Privacy, Sicurezza Informatica, Tecnologia
Ultimo aggiornamento: Giovedì 07/07/2016 11:27

    Anche se il periodo delle foto leaked ossia di foto rubate diffuse online a discapito (non solo) di celebrità sembra passato, non bisogna mai abbassare la guardia in questo senso. Certo, solitamente la principale colpa è quella delle vittime stesse, che non fanno troppa attenzione a come proteggono i proprio scatti più (letteralmente) intimi, ma spesso ci sono casi in cui anche gli utenti più esperti possono incappare in fuoriuscite di info indesiderate. Per questo motivo è necessario ripassare qualche piccolo espediente per eliminare i dati personali dalle immagini che carichiamo online. Questo ovviamente non protegge del tutto da eventuali furti e condivisioni non desiderate, ma quantomeno consente di togliere dai file ogni riferimento al proprietario, anche perché da una semplice foto si possono trarre tantissime informazioni anche sensibili. Ecco come fare.

    Ormai ogni foto contiene un file EXIF ossia Exchangeable image file format che viene utilizzato dalle fotocamere digitali oltre che da smartphone e tablet per andare ad associare al normale formato JPEG, TIFF Rev. 6.0, e RIFF tutta una serie di informazioni specifiche ed etichette (tag) di metadati. Cosa sono questi metadati? Si possono leggere tutte le info sui parametri di scatto dunque la sensibilità ISO impostata, l’apertura dell’otturare, la velocità dello scatto, il modello di fotocamera inserito e il codice seriale (talvolta), tipo di lenti, bilanciamento del bianco e lunghezza focale. Ma c’è di più.

    Se la fotocamera ha il GPS oppure se si è geotaggata la foto con lo smartphone, nel file EXIF si possono infatti leggere anche le coordinate geografiche che raccontano con precisione dove uno scatto è stato effettuato. In più si possono leggere data e ora. Insomma, da una semplice foto si può risalire a dove e quando. Se poi si uniscono tutti i servizi che attualmente sono disponibili online come il riconoscimento facciale e la ricerca incrociata su social network allora è presta fatto anche la triangolazione per associare un’identità ai soggetti. Per tutte le foto condivise online andrebbe pulito per bene questo file, come fare?

    Se si condivide uno scatto su Facebook, Twitter o Imgur allora non c’è da preoccuparsi perché sarà automaticamente eliminato l’EXIF prima di rendere pubblico lo scatto, ma con servizi come Flickr, Picasa o Google+ questo non avviene. E stesso dicasi per condivisioni tramite email oppure su blog e così via. Si deve fare manualmente. Come fare? Con un computer Windows si deve cliccare col tasto destro su proprietà immagini, Dettagli poi Rimuovi proprietà e Informazioni personali. Con Mac si può scaricare un’utility gratuita come ImageOptim. Per Android ci sono diverse apps come EZ UnEXIF Free e su iOS ci sono Exif Wizard o TrashExif.

    Google attività

    Su Google passa buona parte di ciò che facciamo online, per questo motivo è meglio andare ad arginare il più possibile ciò che diffondiamo anche inconsapevolmente. Il gigante del web ha messo a disposizione lo strumento “Le mie attività” che riassume tutte le info raccolte. Tra queste, anche tutte quelle relative alle geolocalizzazioni, che riguardano le foto ma non soltanto. Si accede cliccando in alto a destra sulla homepage su MyAccount poi Informazioni personali e privacy e Gestisci le tue attività su Google infine Gestione attività e Cronologia delle posizioni, andando a disattivare il bottone blu.

    708