Gli 8 usi nascosti della fotocamera dello smartphone

Gli 8 usi nascosti della fotocamera dello smartphone

Con l'occhio del tuo cellulare puoi sfruttare funzionalità che nemmeno puoi immaginare

da in Applicazioni, Curiosità Tech, Smartphone, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    Gli 8 usi nascosti della fotocamera dello smartphone

    La fotocamera dello smartphone è la porta d’ingresso verso funzionalità nascoste e inaspettate: se credi che tu possa utilizzarla soltanto per scattare foto o per girare video, ti sbagli di grosso perché in realtà può offrire molte più utilità di quante si possa immaginare. Per dimostrarlo, abbiamo scelto otto funzioni che si appoggiano proprio al sensore della camera integrata che potrai usare nella vita di tutti i giorni così come in viaggio o anche solo per stupire i tuoi amici. E ora basta indugiare e salta subito dopo la continuazione.

    Lo scanner che prende polvere sulla scrivania? Buttalo via, perché con lo smartphone e applicazioni come Scannable di Evernote per iOS oppure con la funzione di Google Drive per Android potrai effettuare scansioni ad alta risoluzione e qualità. Attraverso il riconoscimento del testo integrato potrai poi anche modificarlo integrandolo in un documento word o simili.

    Nell’attesa del traduttore multilingua in tempo reale di Star Trek (anche se Skype qualcosa ha già fatto), puoi inquadrare col tuo smartphone un qualsiasi testo e vedrai – magicamente – comparire in sovraimpressione la traduzione nella tua lingua. Funziona piuttosto bene con Android e iOs grazie a Google Translate con 29 lingue.

    Hai presente i lettori di codici a barre dei supermercati? Ce ne hai uno nascosto nel cellulare e manco lo sapevi: basta un’app gratuita come Bar e QR Code reader e il gioco è fatto, andando anche a decifrare, appunto, i QR ossia quelli che sembrano quadri astratti, ma che in realtà sono porte d’accesso a link verso foto, video, documenti e quant’altro.

    C’è un’app chiamata Skyview che si occupa di raccontare le stelle come mai era avvenuto prima dell’avvento degli smartphone. Come? Inquadri il cielo stellato e lo smartphone comprende dove sei (grazie al GPS) e cosa stai inquadrando (grazie all’accelerometro) mostrandoti sul display tutte le informazioni su costellazioni, pianeti e stelle.

    Ci sono app come Wikitude o Blippar che trasformano tutto il mondo in una enciclopedia a portata di clic.

    Anzi, di inquadratura: ti basta inquadrare un oggetto, un’etichetta di un vino, una statua in un museo oppure un monumento et voilà ecco che ti si apre un contenuto in realtà aumentata esplicativo. Funziona grazie al riconoscimento delle immagini e la connessione al web per scaricare animazioni e info.

    Perdi tutti i biglietti da visita che ricevi? Con app multipiattaforma come CamCard non te ne dovrai più preoccupare perché ti basterà inquadrare con la fotocamera il bigliettino et voilà il riconoscimento del testo andrà a digitalizzarlo e salvartelo automaticamente in rubrica con tutte le info su cellulare, email, indirizzo e quant’altro. Che comodità.

    Chissà quanto è distante quella montagna. E quanto manca al green da questo rough maledetto? Niente paura perché con app magiche come SpyGlass (costa 3,99 euro ma ne vale la pena) potrai avere in tasca un telemetro a prezzo molto basso che avrà le stesse funzionalità di strumenti ben più costosi!

    Infine la chicca, prendi il tuo smartphone vecchio ma ancora funzionante che hai messo nel cassetto a marcire, piazzalo in modo tattico in casa tra i libri oppure fuori protetto da un vano trasparente ed ecco la tua videocamera di sorveglianza a costo zero che ti manda foto e video in tempo reale se qualcuno fa irruzione a casa tua.

    Ascoltate il podcast dell’intervento a Prima Radio a proposito di questo articolo:

    903

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ApplicazioniCuriosità TechSmartphoneTecnologia

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI