Passeggino che si guida da solo: alla scoperta di Smartbe

Passeggino che si guida da solo: alla scoperta di Smartbe

Un progetto hi-tech che cerca fondi per un prodotto che possiede incredibili funzionalità

da in Curiosità Tech, Tecnologia
    Passeggino che si guida da solo: alla scoperta di Smartbe

    Dopo l’auto che si guida da sé, sta per arrivare sul mercato anche il passeggino che si guida da solo, senza il necessario intervento di un adulto. Si tratta di un rivoluzionario progetto chiamato Smartbe – il primo passeggino intelligente al mondo – e attualmente sta ricercando fondi per poter completare la fase che lo porterà poi a diventare una realtà diffusa in ogni parte del globo.

    Smartbe non è unicamente un passeggino che si guida da solo. È molto di più: ha un sensore che permette al mezzo di seguire l’adulto ovunque egli vada, sia che si scelga di non usare le mani per guidarlo sia che si opti per una “spinta assistita”; ha un motore elettrico; altoparlanti wireless; un dispositivo in grado di riscaldare la bottiglia del latte e regolatore di temperatura. Per quanto riguarda invece le misure di sicurezza, Smartbe dispone di frecce direzionali, telecamere interne ed esterne e di un allarme anti-furto. Il mezzo dispone inoltre di una caricabatteria per cellulare.

    Il passeggino che si guida da solo può essere controllato attraverso un pannello dedicato che viene fornito insieme ad esso oppure servendosi di un’applicazione disponibile sia per dispositivi iOS sia per dispositivi Android.

    via GIPHY

    Il suo motore elettrico potrà essere impostato secondo tre modalità: automatico, affinché mantenga una distanza costante; assistito, affinché aiuti nella spinta del passeggino; manuale, che trasforma Smartbe in un passeggino tradizionale. La batteria garantisce una durata di circa sei ore. Il prezzo? Ovviamente non proprio a buon mercato, visto che il passeggino che si guida da solo dovrebbe costare circa 3,200 dollari (spese di spedizione escluse).

    Per quanto riguarda infine un’ipotesi sulla data di uscita sul mercato, l’azienda ritiene che ciò non possa essere possibile almeno fino al mese di aprile 2017.

    367

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Curiosità TechTecnologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI