La doccia tech che colora l’acqua per ridurre i consumi

La doccia tech che colora l’acqua per ridurre i consumi

Un sistema che colora il getto per segnalare quando si sta consumando troppo

da in Curiosità Tech, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    La doccia tech che colora l’acqua per ridurre i consumi

    Utilizzare la doccia invece della vasca consente di risparmiare una quantità ingente di acqua a patto che sia veloce e che, magari, si chiuda il rubinetto quando ci si insapona. Ma non lo fa quasi nessuno. Per ridurre ancora più gli sprechi la tecnologia può dare una mano, ad esempio con l’ultima trovata della società francese Hydrao, che ha realizzato uno speciale erogatore per doccia che colora il getto d’acqua segnalando quando se ne sta consumando troppa. Scopriamo di più sul funzionamento.

    L’idea di base è molto semplice: quando si inizia la doccia i LED si colorano di azzurro, mentre quando si supera una determinata soglia la sfumatura passa a un arancione più carico fino al rosso per un risultato visivo immediato, che cattura l’attenzione. L’attacco dell’erogatore è universale così da adattarsi a tutte le tipologie di docce e si monta piuttosto agevolmente.

    erogatori doccia

    Qualcuno potrà obiettare che ha poco senso risparmiare acqua consumando più energia, seppur i LED non siano così voraci. Ebbene, i diodi luminosi non richiedono una batteria né di essere collegati alla rete domestica, dato che sono alimentati direttamente dal passaggio dell’acqua nel tubo. Come anticipato, la colorazione del LED varia a seconda del consumo totale seguendo uno schema ben preciso.

    Hydrao arancione

    Fino a 10 litri il colore è blu, che diventa poi arancione al raggiungimento dei 30 litri e infine rosso quando si toccano i 50 litri. Il sistema si può collegare via Bluetooth allo smartphone sfruttando una apposita applicazione che può personalizzare le soglie, i colori e tracciare i consumi. Mostrata al CES 2016 in anteprima, ora è pronta a debuttare in commercio a 100 dollari.

    376

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Curiosità TechTecnologia

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI