Capsule del tempo: le 6 più curiose al mondo

Capsule del tempo: le 6 più curiose al mondo
da in Gadget, Tecnologia, Don Chisciotte
Ultimo aggiornamento: Lunedì 28/12/2015 09:56

    Le capsule del tempo hanno da sempre incuriosito perché sono regali per il futuro, piccole o grandi sorprese da conservare come promesse da rispettare per l’apertura. Ci sono scrigni a breve termine, da scoperchiare magari dopo 10 o 20 anni e altri che dovranno invece attenderne migliaia. Senza dimenticare quelle ormai così distanti dalla Terra da essere già fuori dal Sistema Solare come quelle a bordo delle sonde Voyager o Pioneer. Ecco le più curiose.

    Quella più a lungo termine è sicuramente la “Crypt of civilization” dell’università di Oglethorpe ad Atlanta negli Stati Uniti che è stata sigillata nel lontano 1940 ma che potrà essere riaperta solamente nel 8113, ammesso e non concesso che ci saremo ancora o non saremo già su una luna di Saturno.

    Sono due le Westinghouse Time Capsules e sono state seppellite al sicuro nel parco di Flashing Meadows a New York. La prima è stata sigillata e interrata nel 1935, la seconda nel 1965 e sono state progettate per durare 5.000 anni

    Sono situate all’interno dell’Helium centennial time columns monument in Texas le tre capsule del tempo in acciaio che sono state installate nel 1968: la prima è stata aperta dopo 25 anni, la seconda lo sarà nel 2018, poi la terza nel 2068 e la quarta nel 2968.

    Conteneva quattro copie del 1819 del Don Chisciotte l’inaspettata capsula del tempo trovata sotto la statua dedicata a Miguel De Cervantes a Madrid.

    Sono le capsule più lontane dalla Terra quelle a bordo delle sonde Voyager: lanciate negli anni ’70 e ormai fuori dal Sistema Solare. Portano un disco d’oro con importanti informazioni sul genere umano e sul nostro pianeta.

    Anche le sonde Pioneer portano con sé un messaggio: una placca con informazioni su di noi e su come entrare in contatto.

    605

    PIÙ POPOLARI