Google e il prelievo di sangue senza aghi

Una nuova tecnologia segreta con applicazioni molto interessanti

da , il

    Molte persone hanno una paura matta degli aghi e ogni volta che devono essere sottoposti a un’iniezione o a un prelievo sono dolori, soprattutto psicologici. Per fortuna che Google è attiva anche in questo settore con uno speciale sistema che va a sostituire gli aghi con una soluzione meno invasiva, per niente dolorosa e quasi invisibile. Il merito deve andare a una delle divisioni del colosso chiamata Life Sciences, che prima era sotto Google X (i laboratori “segreti” sulle tecnologie del dopodomani) ma che ora è parte di Alphabet. Scopriamone di più nelle prossime pagine.

    Il brevetto

    Google ha già depositato il brevetto di questa speciale tecnologia che non ha un vero e proprio nome, ma che potrebbe diventare realtà in un tempo non meglio specificato. Ovviamente dai laboratori del colosso californiano predicano prudenza e anzi avvertono che molto difficilmente vedrà la luce in senso commerciale, ma possiamo affermare senza ombra di dubbio che si tratta anche di una sorta di strategia. Anche perché potrebbe avere applicazioni anche extra-mediche da far brillare gli occhi con tanti segni del dollaro.

    Come funziona

    La novità in studio a Life Sciences può infatti sostituire l’ago con uno speciale apparecchio che si introduce nella pelle senza stimolare sensazione di dolore e nemmeno di tatto. Merito di una microparticella che viene azionata da un gas e che consente di prelevare oppure di introdurre qualcosa come una medicina oppure un tessuto o un liquido. In men che non si dica tutto sarà finito, senza spiacevoli conseguenze.

    Possibili applicazioni extra-mediche

    È interessante notare che questa tecnologia potrebbe davvero essere una manna dal cielo per alcuni settori come le smartband e gli smartwatch dato che potrebbe aprire a controlli di valori del sangue in tempo reale senza la necessità di inserire aghi dolorosi, pericolosi e che possono causare lividi o infezioni. Potrebbe essere così immediata l’analisi di glicemia, colesterolo o altri parametri potenzialmente vitali.