MacKeeper e il pericolo delle password svelate al mondo

MacKeeper e il pericolo delle password svelate al mondo

Il popolare software di (in)sicurezza pecca ancora una volta

da in Apple, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    MacKeeper e il pericolo delle password svelate al mondo

    Avete presente MacKeeper, quel software che continua a comparire se navigate sul web con un computer Apple? Ebbene, promette di proteggere i vari Macbook o iMac dai pericoli del web, salvo poi dimostrarsi un potenziale pericolo in prima persona (oltre che non particolarmente utile). Un ulteriore motivo per non installarlo è una notizia piuttosto inquietante: l’intero database di nomi utente e password per il software erano consultabili liberamente online. Stiamo parlando di 13 milioni di utenti.

    MacKeeper è un’applicazione per Mac che si può considerare la regina assoluta delle pubblicità online. La classica “faccia” di queste promozioni è una finestra con colori e stile piuttosto Apple che avverte dei pericoli di navigare senza protezioni e dunque caldeggia il download per stare al sicuro. Tutto vero? Dubitarne è lecito, evitarlo è consigliabile.

    MacKeeper è di proprietà della società americana Kromtech e conta su una popolazione di 13 milioni di utenti, che si sono registrati sul sito e per usare l’app con relativi nomi utenti e password. Il grosso, enorme e aggiungiamo pure raccapricciante era che il database con tutte queste informazioni era consultabile facilmente online in chiaro senza alcun problema. Il secondo consiglio, dunque, oltre a non scaricare il software, è di andate subito a cambiare password.

    Ma c’è un secondo pericolo. Molte persone utilizzano sempre la solita password per praticamente tutto ciò che si fa online dal social network all’e-banking. È una pratica certa per essere truffati, dunque esortiamo ancora una volta a non farlo più. Ebbene, con un database in chiaro con nome utente e password al servizio di tutti i pericoli aumentano in modo esponenziale, in questo senso. Come sempre, come mai, massima prudenza sul web.

    324

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AppleTecnologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI