WhatsApp, c’è un virus che attacca lo smartphone

da , il

    WhatsApp, c’è un virus che attacca lo smartphone

    La Polizia di Stato ha lanciato l’allarme su un virus che sta circolando in questi giorni su WhatsApp, l’applicazione di messaggistica istantanea più popolare e maggiormente utilizzata dagli utenti. Si tratta di un virus che può attaccare il proprio cellulare, inviare messaggi agli utenti in rubrica e di conseguenza mettere in pericolo anche i dispositivi di altre persone, secondo una reazione a catena che andrebbe fermata immediatamente, per quanto possibile.

    Il virus diffuso attraverso WhatsApp – come altri già in passato – è davvero subdolo perché è molto facile essere ingannati: riceviamo un messaggio da parte di un amico (ignaro di averlo inoltrato, ovviamente), che ci invita a cliccare su un link per scaricare le ultime emoticons animate per WhatsApp. Una volta cliccato sul link il nostro cellulare può essere attaccato, con tutta una serie di conseguenze anche piuttosto gravi, come il furto di dati sensibili.

    L’allarme della Polizia di Stato è stato diffuso soprattutto attraverso la pagina Facebook Agente LISA, da sempre attenta a far luce su casi come questi, in modo tale che gli utenti possano essere più attenti. Il consiglio principale resta quello di cancellare immediatamente il messaggio e di avvisare la persona che possiede il numero da cui è stato inviato.

    Questo è l’avviso postato sulla pagina Facebook di Agente LISA, con la foto esempio del messaggio sospetto che viene inviato tramite WhatsApp: