Il primo jet cinese passeggeri, C-919 sfida Boeing e Airbus

La Cina entra nel settore della produzione di aerei passeggeri con C-919, un vero rivale dei colossi del settore di Airbus e Boeing, scopriamolo

da , il

    La Cina ha presentato il suo primo jet passeggeri che va a sfidare i colossi del cielo come Airbus e Boeing, che ormai si stanno spartendo le due grosse fette della torta del settore. Si chiama C-919 ed è stato realizzato dopo diversi anni di studio e di ricerca&sviluppo con budget miliardari dalla Commercial Aircraft Corporation of China (Comac), aiutata da due società occidentali che hanno portato esperienza e know-how come l’americana General Electric e la francese Safran. Scopriamone di più.

    Sarà una gran bella sfida con i leader del settore Airbus e Boeing per C-919, il primo jet passeggeri costruito dalla Cina, che può essere considerato un rivale del 737 e dell’A320 grazie alla sua capacità di 159 posti e un range di 5555 chilometri che lo porta a essere ideale per voli di grande gittata. Quando lo si vedrà viaggiare per il mondo? Il primo volo di test è programmato per il 2016.

    Gli aerei Airbus del futuro, ispirati a Star Trek

    Come saranno gli aerei del futuro? Airbus ha provato a rispondere pubblicando questo video davvero suggestivo che racconta un ideale prototipo di velivolo dei prossimi anni. Forse esternamente non sarà poi tanto diverso, con una fusoliera, ali e muso più coda abbastanza classici, ma avvicinandosi si potrà notare un particolare che parla da solo: vetrate ovunque. La parola d’ordine sarà vista aperta sui panorami che scorreranno sotto i passeggeri con strati trasparenti come grandi finestre. All’interno sarà garantito il massimo comfort con sedute girevoli e modulari che consentiranno di assemblare o dividere i sedili e di orientarli o inclinarli come meglio si crede. Se ci si starà annoiando durante il viaggio ci si potrà svagare all’interno di una delle tante zone relax e giochi con ad esempio simulatori di golf. E quanto la visuale sul mondo esterno non sarà libera, si potrà sempre dare un’occhiata agli schermi olografici. Qui sopra, il video illustrativo.