Supertreni cinesi a 500km/h entro cinque anni

I treni più tecnologici al mondo che sfrecceranno su rotaie, appesi al contrario o levitando o ancora come proiettili dentro tubi a velocità ultrasoniche.

da , il

    I supertreni cinesi saranno sempre più tecnologici, veloci e in grado di raggiungere molto più dell’immenso territorio del paese asiatico. Entro il 2020 – che poi è tra cinque anni – si aggiungeranno circa 50.000 km (+18.000km rispetto a oggi) di ferrovia e si aumenterà la velocità di punta da 380 a 500km/h. Entro la fine del 2015 tutte le città cinesi con più di mezzo milione di abitanti saranno collegate dai treni ad altissima velocità. Il futuro sarà sempre più dedicato alla levitazione magnetica visto che consuma meno energia e offre più stabilità e affidabilità. Ma qual è il futuro dei treni tech?

    I treni più tecnologici al mondo: il futuro delle ferrovie

    I treni sono i mezzi di trasporto che sono stati considerati da sempre il fulcro delle innovazioni tecnologiche oltre che l’ideale simbolo del progresso umano che non conosce sosta anche se è limitato da paletti inevitabili (i binari). Se ne è fatta di strada su binari oppure levitando da quando George Stephenson ideò il concetto di trasporto in questo modo nel 1829 con il Rocket che sfrecciava a 48km/h. Si è abbandonato il vapore e si è puntato tutto sull’elettricità non solo come “carburante” in senso stretto, ma anche per sostenere letteralmente i vagoni e lanciarli a velocità spaziali fino ai 500km/h dell’attuale primatista, il cinese CRH380A. Scopriamo tutti i concept e i prototipi dei treni hitech che vedremo presto in viaggio.

    IL TRENO AEREO GIAPPONESE

    Dovrebbe riprendersi lo scettro di più veloce il Giappone molto presto: sulla linea che collega Tokyo a Nagoya si arriverà ai 580km/h di velocità massima così da collegare le due città in modo più preciso, puntuale e confortevole dell’aereo. Si sta correndo così veloci nel progresso che la forma di alcuni prototipi va a allontanarsi di molto da quella classica: sempre nella terra del Sol Levante è stato recentemente infatti mostrato e testato anche uno dei non-treni più originali. Si chiama Aerotrain e levita a pochi centimetri dal suolo. Sembra proprio un aereo e non inquina usando l’energia solare.

    LE RISPOSTE EUROPEE

    Mentre sono in progetto modelli dal design piuttosto classico come Velocity Kendall, NGT (Next Generation Train) del Centro Aerospaziale Tedesco e Amtrak, che non hanno niente di particolare, sul web si possono individuare concept da rimanere a bocca aperta. Parliamo ad esempio del francese Sureot, che pensa a velocità e comodità con i suoi interni spaziosi e lussuosi, minimalista fuori e simile a un hotel di classe dentro. Schwebebahn di Andrea Schoellgen è una metropolitana che si distingue da quelle classiche perché viaggia… appesa. Ovviamente è al contrario solo la struttura, ma non gli interni, al contrario sempre votati al comfort massimo. Lo batte forse solo Hassell Hassell, con scompartimenti e poltrone di eleganza e stile.

    PROGETTI FUTURISTICI

    Individual è un treno che pensa a chi non ama affatto viaggiare in compagnia e anzi cerca la privacy assoluta. Il designer Hamit Kanuni Kuralkan ha organizzato una sorta di grande scompartimento suddiviso per piccoli scompartimenti che lascia gli utenti liberi di fare ciò che desiderano senza disturbi. Ancora più futuristico Snap del designer Vít Bechynský è una sorta di treno-deposito di veicoli che possono attaccarsi o staccarsi ai vagoni a piacere. Mercury è la concezione dell’alta velocità all’inglese, un po’ treno un po’ aereo. E infine i più estremi: Diveria di Christian Gumpold ha una struttura esagonale e giganteschi finestroni, mentre Aurora punta su un design cyberpunk e vetri che diventano pannelli informativi. Ma niente è come Hyperloop di Elon Musk di Tesla: i passeggeri sfrecciano alla velocità ultrasonica di 1223km/h in capsule di alluminio. Altro che aereo. In fotogallery tutte le immagini.

    IL TRENO SOTTOMARINO TRA RUSSIA E USA