La lavastoviglie a manovella: zero elettricità e piatti puliti in un minuto

La lavastoviglie a manovella: zero elettricità e piatti puliti in un minuto
da in Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    La lavastoviglie a manovella: zero elettricità e piatti puliti in un minuto

    Circo Independent Dishwasher è una lavastoviglie differente da qualsiasi altra, non solo perché è ideale per single, ma soprattutto perché non richiede di essere connessa alla corrente elettrica, perché allena (un braccio alla volta) e perché può dimostrarsi perfetta per ridurre i consumi. A volte, la tecnologia più efficace non è quella uscita dai laboratori di ultima generazione quanto dalle idee del passato. E così, in un mondo in cui cerchiamo di sposare sempre più l’ecologia e le soluzioni green, l’idea del designer Chen Levin può davvero risultare vincente.

    Di cosa si tratta? Di una lavastoviglie – ossia di un macchinario per pulire piatti, posate, bicchieri e contenitori per alimenti o per la cottura – che funziona a manopola, sfruttando l’energia fornita dall’utente stesso per ovviare alla mancanza di collegamento all’elettricità. In buona sostanza, si dovrà andare giù con la manovella per azionare il sistema che spruzza acqua e detersivo e, infine, risciacqua tutto per bene. Ma come fa a scaldare l’acqua se è un non-elettro-domestico? La soluzione è altrettanto semplice.

    L’acqua si può inserire dal rubinetto di casa all’interno di un apposito cassetto sul fondo, fredda. Inserendo poi una tavoletta di acetato di sodio si genererà una reazione chimica che alzerà in modo sensibile la temperatura. La manovella fornirà energia al sistema che spruzzerà il detergente e farà muovere l’acqua per lavare il tutto per bene. Viene promesso un lavaggio completo in un minuto appena.

    Aprendo il contenitore si passerà all’asciugatura che sarà dunque a temperatura ambiente.

    Ovviamente questo macchinario è più che altro pensato per single con una cucina molto piccola e non è così ideale per il trasporto – ad esempio in campeggio – anche perché si dovrà pur sempre smaltire l’acqua con detergente e sporco. Tuttavia, si potrebbe conservare l’acqua sporca e scaricarla nel modo più opportuno in un secondo momento. Oppure si potrebbe lavare a mano, che è la tecnologia ancora più antica e – se svolta in un modo intelligente, con la giusta quantità di detergente e di acqua – fornisce una soluzione quasi imbattibile. Anche se non così comoda. GLI ELETTRODOMESTICI TUTTI CONNESSI AL WEB ENTRO IL 2020

    537

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Tecnologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI