NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Facebook, donna cambia il proprio nome per recuperare il proprio account

Facebook, donna cambia il proprio nome per recuperare il proprio account
da in Facebook, Mobile, Social Network, Tecnologia
Ultimo aggiornamento: Martedì 04/08/2015 10:52

    Impossibilitata a riprendere possesso del proprio account Facebook, una giovane donna britannica ha cambiato il proprio nome all’anagrafe così da avere nuovamente la capacità di effettuare un log-in alla propria pagina sociale. Storia che sembra mezza finta, da tabloid inglese, ma che a quanto pare è tutta vera quella che vede come protagonista la trentenne Jemmaroid Von Laalaa che prima si chiamava Jemma Rogers e che, per una serie di vicende al limite del tragicomico, ha dovuto abbandonare la sua precedente identità. Ripercorriamo la storia.

    Tutto era iniziato sette anni fa, nel 2008, quando la giovane terapeuta olistica si era iscritta al social network seguendo la moda dilagante di sempre più giovani interessati a questo portale così fresco, nuovo e intrigante. Al momento della registrazione, invece che indicare il proprio vero nome ossia Jemma Rogers, aveva pensato bene di utilizzare uno pseudonimo ossia Jemmaroid Von Laalaa per proteggersi da sconosciuti e per poter selezionare con cura contatti e cosa condividere.

    All’epoca, infatti, non c’erano tutte le funzioni di adesso per potersi tutelare e dunque si doveva essere più drastici nelle decisioni se si voleva non autopaparazzarsi troppo. All’epoca non c’era niente di male a usare un nome fasullo, ma poi la situazione è precipitata di recente, quando Facebook aveva chiesto di dimostrare il proprio nome. La ragazza ha pensato bene di modificare i dati anagrafici della carta di credito via Photoshop, ma il SN non ci è cascato. Da qui il blocco dell’utenza e il rischio di perdere ricordi preziosi, foto, messaggi e altro. E l’idea folle.

    Ossia, cambiare il proprio nome all’anagrafe per prendere quello indicato al momento della prima registrazione. Storia vera? Finora nessuno ha smentito dunque sembra di sì, in generale si può ovviare a questa situazione cercando una via di mezzo ossia andando ad agire sui parametri di privacy mettendoli tutti al massimo: niente richieste di amicizia, tutte le foto e le informazioni riservate solo agli amici. E, infine, utilizzare sempre il nome ufficiale, quello che appare sui documenti.

    422

    PIÙ POPOLARI