Tatuaggio-etilometro: si illumina se sei sbronzo

Tatuaggio-etilometro: si illumina se sei sbronzo
    Tatuaggio-etilometro: si illumina se sei sbronzo

    Interessante progetto chiamato SafeStamp che arriva dagli USA e che riguarda uno speciale tatuaggio che si può illuminare nel caso in cui si abbia alzato un po’ troppo il gomito. Utilizza il medesimo principio che normalmente si sfrutta nei test per i diabetici con uno speciale microchip che misura la quantità di alcol attraverso il liquido del sudore. Gli ideatori di questa idea arrivano dalla Miami Ad School e rispondono al nome di Chennai Divay Seshadri e Megan O’Neill e sono stati mossi dall’idea di evitare le stragi del sabato sera che sono la prima causa di morte tra i più giovani, in tutto il mondo. Scopriamo come funziona.

    L’idea di base era quella di fornire uno strumento tecnologico di semplice utilizzo per cercare di arginare il pericolo causato da chi si mette al volante pur avendo bevuto troppo. I due studenti hanno così preso una tecnologia già esistente nei test per i diabetici che può essere sfruttata anche per calcolare il tasso alcolemico nel sangue. Nel caso in cui il livello sia troppo alto allora scatta il passo successivo ossia la segnalazione del problema da parte del dispositivo stesso, come?

    Attraverso un’illuminazione che non richiede un’alimentazione esterna dato che l’energia arriva direttamente dalla sostanza che rilevano. Nella pratica, il tatuaggio assomiglia a un etichetta anti-taccheggio di quelli che si possono incontrare sulle confezioni di prodotti più sensibili ai supermercati. Si applica alla pelle, ad esempio al polso, e all’interno contiene un microship con tutta la componentistica già al proprio interno. Questo microchip misura l’alcol nel sudore e attrae le molecole con le onde elettromagnetiche.

    Se “positivo” si illumina.

    APPLE WATCH NON FUNZIONA CON I TATUAGGI

    Produrlo costa un dollaro e dunque può davvero risultare ideale per locali e discoteche che potrebbero utilizzarlo come un timbro d’uscita. Il progetto ha già attratto le attenzioni di diversi colossi come Heineken International che ne ha finanziato un video dimostrativo. Arriverà mai in produzione?

    383

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Guida in stato di ebbrezzaIncidentiTecnologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI