Google Maps offline: come usare le mappe senza connessione

Google Maps offline: come usare le mappe senza connessione
da in Android, Apple, Applicazioni, Google, Guide Tech, Tecnologia
Ultimo aggiornamento: Giovedì 07/07/2016 11:34

    Il nuovo aggiornamento dell’applicazione Google Maps per Android e iOS ha portato una succosa novità ossia la possibilità di poter godere delle mappe in modalità offline così da consultarle come se fosse una sorta di cartina. C’è però da specificare che non permette di poter sfruttare la navigazione senza connessione in toto né tanto meno consultare il database interno dato che richiedono comunque una connessione online attiva. Anche prima di questo aggiornamento era possibile utilizzare le mappe offline, ma non era una funzionalità interna standard e si doveva passare attraverso un procedimento leggermente più macchinoso. Ma scopriamone di più.

    Prima di tutto come fare per aggiornare? Buona parte degli smartphone Android non richiede nemmeno il consenso visto che aggiorna in automatico, dunque vi troverete la novità già sullo smartphone. Se così non è allora dovrete effettuarlo manualmente andando su Google Play, poi aprendo le Mie Applicazioni e cliccare su Aggiorna in corrispondenza della casella relativa a Google Maps. Una volta aggiornato, in un modo o nell’altro, si dovrà essere collegati online e basterà applicare un segnalino in corrispondenza del punto desiderato. Si potrà poi scegliere l’opzione “Salva mappa per utilizzarla offline” (che è appena sotto a Google Street View) andando poi a indicare l’estensione chilometrica della zona d’interesse.

    Si può anche andare a dare un nome alla mappa. Ripetiamo che non saranno salvate indicazioni stradali né informazioni commerciali su locali, ristoranti, cinema, ecc… Per recuperare la mappa si potrà dunque poi aprire Google Maps da offline e mostrare l’elenco delle mappe offline disponibili (ossia quelle che si erano salvate in precedenza). La permanenza delle mappe durerà un mese, dopodiché saranno cancellate a meno che non si proceda con un aggiornamento delle stesse per prorogare la scadenza.

    Le altre novità riguardano un filtro che consente di visualizzare locali e attività che seguono determinati parametri come tipologie di recensioni oppure orari in particolari slot desiderati. Iniziando da USA, Canada e Giappone, è stato poi introdotto il segnalatore di corsia sulle strade principali in prossimità di una svolta. Inoltre si pensa anche ai mezzi di trasporto pubblico con informazioni su treni, autobus e tram con una ricerca più progredita e meglio funzionante. Infine c’è una collaborazione attiva con Uber che consente di affittare automobili con autista per spostarsi in città, una sorta di alternativa social ai taxi che sta facendo letteralmente infuriare questa categoria di lavoratori in Italia. Ad ogni modo, nel nostro paese, queste ultime novità non sono ancora attive.

    Leggi anche:

    E voi? quanto usate Google Maps per lavoro o per organizzare il tempo libero.

    676

    PIÙ POPOLARI