La ridicola chiavetta USB che “distrugge” il PC

da , il

    La ridicola chiavetta USB che “distrugge” il PC

    Altro che virus, per cancellare tutti i dati dal computer basta una chiavetta USB “killer” che – una volta inserita nell’apposita porta – dà una bella scarica andando a “friggere” i componenti interni a stretto contatto e dunque danneggiando in modo irreparabile la scheda madre, l’hard disk e, insomma, tutti gli “organi interni” del nostro computer facendoci perdere i nostri file. È questo il nuovo pericolo che arriva dalla Russia e che, però, risulta abbastanza risibile già nei presupposti. Non che una tecnologia del genere non sia possibile, ma di sicuro ha poco senso realizzare un gadget del genere.

    Ma andiamo con ordine, di cosa stiamo parlando? Di una speciale chiavetta USB che si può inserire nell’apposita porta del computer. Sviluppata e creata da un ingegnere russo che si fa chiamare Dark Purple, questo accessorio killer non usa soluzioni software per cancellare i dati, ma il caro e vecchio metodo “elettrico” che danneggia fisicamente i componenti elettronici. La pennetta si basa su un convertitore di potenza che carica un condensatore interno a -110V. Una volta terminata la carica si genera una scarica di corrente che va a danneggiare i componenti intorno come ad esempio l’HDD o la scheda madre o entrambi.

    I DIECI HUB USB PIU’ PAZZI DI SEMPRE

    Addirittura si millanta la possibilità di far esplodere la macchina o scatenare un incendio, ma tutto ciò è non solo ridicolo quanto abbastanza impossibile. Tecnicamente è possibile realizzare una chiavetta del genere, perché ad esempio le macchine fotografiche usano un basso voltaggio per generare tensioni di oltre 300 volt, ad esempio per il flash che è un impulso. Inoltre, anche se la porta è optoisolata, il danno potrebbe essere reale, magari non sugli hard disk più moderni e resistenti, ma su quelli più datati e molto probabilmente anche sulle schede madri. La domanda di fondo resta: perché tutta questa fatica?

    IL VIRUS DI WHATSAPP CHE FORMATTA LO SMARTPHONE

    Perché creare un dispositivo anche abbastanza sofisticato, che però non garantisce l’effetto desiderato per inevitabili limiti di potenza, quando si può mettere semplicemente dentro la chiavetta una piccola quantità di esplosivo? Bastano pochi grammi per far saltare davvero per aria il PC (se è questo davvero l’obiettivo) o addirittura riempire tutto l’astuccio di plastico per far esplodere direttamente un’intera server farm. Insomma, una notizia al limite della bufala.