La prima foto di sport all’asta

da , il

    La prima foto di sport all’asta

    All’asta la prima fotografia di un evento sportivo, è datata 1862 e rappresenta una partita di cricket. Le prime immagini salvate su pellicola arrivano dal 19esimo secolo con tecnologie all’epoca di grande avanguardia, che hanno aperto il mondo a una delle più grandi passioni dei tempi moderni. Ora esistono fotocamere ultraveloci e ultradefinite, ma un tempo scattare una fotografia era un’impresa notevole per pazienza e anche costo. Ne è esempio questo scatto di Victor A. Prout che è stato ottenuto nel giardino dell’Eton College. Scopriamone di più.

    Come spesso, tristemente aggiungerei, accade i cimeli che miscelano sport e tecnologia vanno all’asta per pochi intimi che si limitano a spendere una piccola porzione del proprio patrimonio per assicurarsi perle poi da rimirare in modo privato, quando starebbero meglio in un museo, alla portata di tutti. Ma è un po’ il cruccio dell’arte all’asta e tant’è. Sarà così anche per queste fotografie storiche che sono state scattate da Victor A. Prout che rappresentano una partita a cricket nel parco del college di Eton, con undici partecipanti in divisa. L’immagine sarà battuta all’asta tra pochi giorni a Cirencester nel Gloucestershire dal banditore Dominic Winter e le stime sono superiori al mezzo milione di sterline ossia 680mila euro.

    L’ASTA PER IL GUANTONE DA UN MILIONE DI DOLLARI

    L’immagine ha peraltro una qualità altissima perché ai tempi per scattare una foto serviva un’esposizione lunghissima e dunque le fotografie erano praticamente tutte “mosse” se non quelle – drammatiche e inquietanti – che si scattavano ai famigliari appena morti, tutti in posa con la famiglia (di vivi, ovviamente) col risultato che il cadavere era perfettamente a fuoco e gli altri un po’ sfumati. Quasi un effetto che mostra su pellicola come la vita sia sfuggita mentre negli altri soggetti sia ancora in fermento. Ad ogni modo questa foto del 1862 ha anche il pregio di essere particolarmente ben riuscita a livello tecnico. Un altro motivo per aumentare ancor di più il valore economico.