Google Maps 3D: come usare e sfruttare le mappe tridimensionali

Google Maps 3D: come usare e sfruttare le mappe tridimensionali
da in Android, Applicazioni, Google, Guide Tech, iOS, iPhone, Software, Stampanti 3D, Tecnologia
Ultimo aggiornamento: Giovedì 07/07/2016 11:47

    Le funzionalità 3D di Google Maps

    Su Google Maps è possibile visualizzare contenuti in 3D come edifici e monumenti che sono stati ricreati in tre dimensioni per oltre cento località famose in tutto il mondo. Si può cosi attivare questo “layer” ossia questo speciale livello e vivere un’esperienza di navigazione e esplorazione superiore e più approfondita. È molto utile nel caso in cui – ad esempio – si stesse organizzando un itinerario e si volesse dunque prendere più riferimenti. Oppure anche nel caso in cui si volesse semplicemente svagarsi e apprezzare appieno il grande lavoro di sviluppo di Mountain View. Qui sopra un video che racconta le funzionalità tridimensionali, dopo il salto tutte le informazioni.

    Per prima cosa è necessario avere la possibilità di usare Google Maps e ciò è garantito solamente dal software online che si può raggiungere cliccando sul sito ufficiale oppure scaricando il programma Google Earth per Windows o Mac o ancora – meglio – usando le applicazioni mobile per Android e iOS. Queste apps consentono infatti di richiamare la funzione 3D e di visualizzare la cartina con gli edifici e i palazzi disegnati in tridimensionali. C’è però da specificare che, giustamente, Google ha privilegiato l’app di casa e dunque ha consentito l’uso della funzione 3D solo per l’app di Android, mentre per quella per iPhone ci si deve “accontentare” dell’app Google Earth.

    Con la visualizzazione in 3D di palazzi e monumenti, è possibile sfruttare una serie di comandi specifici che consentono di muoversi sulle cartine in modo molto naturale e intuitivo. Ad esempio si può usare il tilt zoom che altro non è che il pizzicare con le dita che vanno dal centro verso l’esterno o viceversa per aumentare l’ingrandimento oppure diminuirlo. Per uno zoom un po’ più fluido e meno netto si possono muovere due dita insieme e il livello di ingrandimento muterà in modo soft. Si può ruotare l’orientamento delle mappe usando pollice e indice e disegnando appunto un cerchio in senso orario o antiorario, in qualsiasi direzione. Cliccando sull’icona della bussola si userà la bussola digitale del proprio dispositivo così da orientare automaticamente la mappa muovendosi a destra o sinistra.

    Ora non resta che tuffarsi nell’esplorazione sia su PC sia su smartphone o tablet, ma se voleste una sorta di catalogo con tutti, ma proprio tutti i monumenti e palazzi 3D presenti su Google Maps questa è la pagina ufficiale che dovrete salvarvi tra i preferiti. È il punto di partenza per scoprire tutti i palazzi che sono stati digitalizzati da Google in questi anni. Come è facile notare, la maggior parte è localizzata in Nord America (sulla costa Est) e in Europa, oltre che tra Giappone, Cina e Corea e qualcosa negli altri Continenti, ma poca roba. Cliccando sulla puntina blu si viene trasportati direttamente alla visualizzazione dell’elemento, sulla sinistra della pagina c’è tutto l’elenco completo. A proposito di Google Maps, non perderti: >> Come calcolare un itinerario su Google Maps >> Come usare la funzione traffico su Google Maps

    755

    PIÙ POPOLARI