Google Maps API per creare mappe o app personalizzate

da , il

    Mappe personalizzate con le API di Google

    Grazie alle API puoi creare mappe personalizzate con Google Maps in modo davvero facile e creativo. No, non sto parlando dei laboriosi e utilissimi insetti, ma dell’acronimo di Application Programming Interface alias Interfaccia di Programmazione di un’Applicazione. In campo informatico, si usa questo termine per andare a indicare tutte quelle procedure che si mettono a disposizione dei programmatori da parte di un produttore per “aprire” al massimo un software e garantire la possibilità di accedere ai set di strumenti specifici per l’espletamento di un preciso compito all’interno di un determinato programma. Semplificando il concetto, sono librerie software disponibili liberamente a tutti coloro i quali possano maneggiare un linguaggio di programmazione. Nel caso di Google Maps, consentono di usare le mappe di Google in modo spettacolare e creativo.

    Google Maps API uno strumento incredibile

    Le Google Maps sono state scaricate per 55 milioni di volte su iOS – che non le ha di default come Android – aprendo a oltre 16.5 milioni di stringhe a disposizione liberamente per dare spazio alla creatività. Si possono personalizzare colori e funzionalità delle mappe con lo strumento incluso Styled Maps. È altresì possibile creare, condividere e pubblicare i dati personali con Google Maps Engine ossia l’applicazione on the cloud proprietaria.

    Google Maps API per Android, iOS e web

    Google ha predisposto una pagina speciale dedicata al download dei file e all’accesso a tutte le guide e documentazioni per avere più informazioni sulle API standard. Sono ovviamente gratuite da scaricare e non comportano un trasferimento dati eccessivo. Si potranno dunque scaricare per il sistema operativo mobile di casa che è Android, per quello rivale ossia iOS di Apple per poter creare contenuti su iPhone, iPad e iPod Touch e anche per la parte web con Javascript e Embed. Va da sé che per poterle usare serve una certa padronanza dell’informatica, altrimenti è molto complicato entrare nel meccanismo e usarlo a piacimento.

    Google Earth API

    Oltre a Google Maps c’è anche la possibilità di usare l’altro servizio ossia Google Earth che consente di navigare sul planisfero proprio come se si stesse esplorando un mappamondo tridimensionale e digitale. Le mappe sono le stesse, ma cambiano i contenuti perché sono presenti i cosiddetti layer ossia strati di informazioni che vengono scaricati e aggiornati regolarmente (soprattutto grazie ai contributi degli utenti) per accedere a tantissime notizie e contenuti speciali. In modo molto simile a GMaps, Google Earth ha le sue JavaScript API per poter usare Earth all’interno di pagine web proprietarie, per disegnare contenuti, segnalini, linee, colorare e modificare terreni, aggiungere oggetti 3D o caricare file KML. Anche in questo caso basta solo lo strumento ufficiale che si scarica qui.

    Google Maps API Premier: per attività commerciali

    Google Maps API Premier è un servizio che apre alla realizzazione di mappe interattive basate su Google Maps per siti web interni e pubblici, che consente di inserire informazioni sulle cartine per una visualizzazione pratica e di facile lettura. Le potete ammirare in diversi spazi web come quelli che consentono di visualizzare risultati proprietari sulle mappe come Tripadvisor, Booking e compagnia bella. Consente anche di visualizzare istantaneamente il portafoglio clienti, esaminare i profitti e i dati di business intelligence. A differenza delle API Standard aggiungono elementi peculiari come la trasmissione sicura tramite protocollo HTTPS, tracciamento dei rapporti di uso su più domini e controllo degli annunci pubblicitari.

    Impara a usare le Google Maps al meglio:

    >> Calcola il percorso su Google Maps

    >> Controlla il traffico su Google Maps

    >> Sfrutta le funzioni 3D delle Google Maps