NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

iPhone e i pericoli che arrivano dalle apps

iPhone e i pericoli che arrivano dalle apps
da in Apple, Cellulari, iOS, iPhone, Smartphone, Tecnologia
Ultimo aggiornamento:
    Apple presenta iPhone 6 e 6 Plus

    iPhone è a rischio, perché può essere facilmente attaccato da software che spiano le attività come le foto, i messaggi testuali e istantanei e tutti i dati compresi quelli sensibili contenuti a bordo dello smartphone di Apple. Nel mirino dei controlli sono applicazioni di conto terzi che affliggerebbero gli iDevice con gli ultimi sistemi operativi ossia iOS 7 e iOS 8. Come confermato dalla società di sicurezza Trend Micro, ci sono applicazioni come XAgent che non solo consentono di entrare dalla porta di servizio e accedere a tutti i contenuti, ma anche trasformare il melafonino in uno “zombie” pronto a infettare tutti gli altri contatti. Non che Android sia esente, anzi: sono stati isolati ad esempio gioco di carte Durkan e il test IQ-Test da cancellare subito.

    Sono stati diffusi i dati di vendita dei nuovi iPhone ed emerge che su quattro nuovi melafonini solo uno è iPhone 6 Plus, mentre tre sono iPhone 6. Si può considerare la definitiva dimostrazione che gli utenti sono meno interessati all’ingombrante – seppur più performante – phablet, preferendo il più pratico cellulare intelligente standard. Certo, anche per una questione di prezzo che non si può e non si deve sottovalutare. Da sottolineare che i dati non arrivano direttamente da Apple, quanto dalla società Consumer Intelligence Research Partners, elaborati dall’analista Steven Milunovich di UBS. Ci sono anche altre curiosità interessanti.

    I dati di vendita raccontano una certa persistenza dei “vecchi” modelli iPhone 5S e iPhone 5C, inoltre, quantificabile in un 9% totale contro il 16% dell’iPhone 5 nel 2013. C’è più interesse per i nuovi modelli, dunque, e del 91% rimanente il rapporto è di 3 a 1 in favore di iPhone 6 che è più apprezzato. Per quanto riguarda la memoria interna, la media è di 48GB raddoppiando il valore dell’anno precedente, anche e soprattutto grazie all’introduzione del modello da 128GB e all’eliminazione del modello medio da 32GB.

    IPHONE 6 PLUS E IPHONE 6 AL CRASH TEST

    iPhone 6 Plus è il phablet di casa con il suo processore Apple A8 a 64bit con 2 miliardi di transistor e processo produttivo a 20 nanometri, lo schermo che sale a 5.5 pollici di diagonale Full HD grazie al pannello Retina HD da 1920×1080 pixel, una fotocamera velocissima, molto luminosa e evoluta da 8 megapixel, una memoria che arriva fino a 128GB e infine il sistema operativo iOS 8. Ecco la scheda tecnica di iPhone 6 Plus, con il riassunto dello specchietto di facile lettura:

    • Sistema operativo iOS 8
    • Processore Apple A8 a 64bit con 2 miliardi di transistor e processo produttivo a 20 nanometri
    • Display Retina HD da 5.5 pollici a risoluzione 1920×1080 pixel
    • Fotocamera 8 megapixel iSight con True Tone flash, pixel da 1.5 micron e apertura luminosa da f/2.2, autofocus ultraveloce, stabilizzatore digitale delle immagini
    • Videorecording Full HD a 30 o 60fps e slow motion fino a 240fps
    • Fotocamera frontale FaceTime HD con apertura da f/2.2
    • Tecnologia VoLTE che sta per Voice over LTE

    iPhone 6 prosegue il discorso smartphone alzando ancora la diagonale di display verso una dimensione più moderna da 4.7 pollici a risoluzione però non ancora Full HD quando poco più che HD a 1334×750 pixel, un processore Apple A8 a 64bit con 2 miliardi di transistor e processo produttivo 20 nanometri, fotocamera da 8 megapixel sul retro e FaceTime HD sul fronte, infine una fotocamera luminosa e veloce (ma non così performante come il Plus che ha stabilizzatore ottico). Riepiloghiamo la scheda tecnica di iPhone 6

    • Sistema operativo iOS 8
    • Processore Apple A8 a 64bit con 2 miliardi di transistor e processo produttivo a 20 nanometri
    • Display Retina HD da 4.7 pollici di diagonale e 1334×750 pixel
    • Fotocamera 8 megapixel iSight con True Tone flash, pixel da 1.5 micron e apertura luminosa da f/2.2, autofocus ultraveloce, stabilizzatore digitale delle immagini
    • Videorecording Full HD a 30 o 60fps e slow motion fino a 240fps
    • Fotocamera frontale FaceTime HD con apertura da f/2.2
    • Tecnologia VoLTE che sta per Voice over LTE

    E voi, quale preferite?

    880

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AppleCellulariiOSiPhoneSmartphoneTecnologia
    PIÙ POPOLARI