TIM Chiama ora e Vodafone Recall a pagamento: la denuncia del Codacons

TIM Chiama ora e Vodafone Recall a pagamento: la denuncia del Codacons
    TIM Chiama ora e Vodafone Recall a pagamento: la denuncia del Codacons

    Il Codacons bacchetta TIM e Vodafone: il Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori ha emesso un comunicato stampa in cui esorta gli utenti a disattivare opzioni Lo Sai / Chiama Ora e Recall / Chiamami che sono state trasformate da gratis ad a pagamento in modo non così ben pubblicizzato e senza un apparente motivo, se non si vuole incorrere in costi non desiderati. È stato già consegnato un esposto all’Agcom e si lancia la provocazione: che sia il modo per recuperare sui recenti cali – obbligati – dei ricavi dal roaming che ora costa meno? Scopriamo come fare per disattivare le due opzioni.

    La storia: dal prossimo 21 luglio, sia TIM sia Vodafone attiveranno un costo per un servizio finora gratuito. Stiamo parlando delle due opzioni gemelle “Lo Sai/Chiama Ora” e “Recall/Chiamiami” che funzionano allo stesso modo. Consentono infatti di ricevere un messaggio nel momento in cui un utente che si è tentato di chiamare invano risulti nuovamente disponibile e di poter ricevere un messaggio di notifica sul tentativo di contatto da parte di un utente. Pur avanzando a braccetto sin dall’idea di base per arrivare al giorno del cambio di politica, non è identico il prezzo. Con TIM costa 1.90 euro ogni 4 mesi, mentre con Vodafone si pagano 6 centesimi al giorno ogni volta che occorre l’una o l’altra evenienza.

    È dura e ferma la denuncia di Carlo Rienzi, presidente del Codacons: “E’ assurdo che due società decidano in contemporanea di trasformare a pagamento servizi fino ad ora gratuiti.

    Non vorremmo che i gestori telefonici, con questa mossa, intendano recuperare i minori costi del roaming a carico degli utenti italiani, dimezzati a partire dall’1 luglio. Presenteremo oggi stesso un esposto all’Autorità per le comunicazioni, affinché faccia chiarezza su tale vicenda”. Si riferisce ovviamente all’Agcom che dovrebbe vigilare sull’interesse degli utenti in campo mobile e che è chiamata ad esporsi.

    Come fare, dunque, per disattivare le due opzioni e evitare di dover sborsare i costi dei servizi se non si è così interessati? Si possono visitare le pagine web dei due operatori accedendo all’area utente (previa registrazione) oppure si può contattare il numero gratuito di assistenza per procedere in tempi ugualmente rapidi. Si dovrà chiamare il 42070 (Vodafone) oppure 40920 (Tim). Se invece si vuole continuare a utilizzarli non occorre far nulla visto che vale il silenzio/consenso al cambio di politica di costi.

    461

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI