Rivoluzione Inter: Pioli esonerato, Sabatini uomo Suning

Suning cambia: via l'allenatore, al suo posto il traghettatore è Vecchi. Arriva Walter Sabatini, ma non si sa che fine farà Piero Ausilio, fresco di rinnovo

da , il

    Rivoluzione Inter: Pioli esonerato, Sabatini uomo Suning

    L’ennesima rivoluzione Inter va in scena quando è quasi notte, proprio mentre la Juventus stacca il biglietto per Cardiff e per la finale di Champions League. Arriva la notizia dell’esonero dell’allenatore Stefano Pioli, dopo due mesi in cui i nerazzurri hanno fatto meno punti di tutti in serie A. Per le ultime tre partite, in panchina ci sarà Stefano Vecchi, tecnico della Primavera, per non perdere anche il sesto posto che vuol dire preliminari di Europa League.

    Ma la rivoluzione Inter, voluta fortemente dalla proprietà cinese che con l’esonero ha voluto dare un segnale forte, prevede altre mosse indirizzate al futuro. Walter Sabatini, ex direttore sportivo della Roma, diventerà l’uomo Suning all’interno della squadra: sarà il coordinatore tecnico di tutte le squadre di Steven Zhang, quindi pure dello Jiangsu. Dovrebbe lavorare in coppia con Piero Ausilio, che è l’attuale direttore sportivo nerazzurro e che ha recentemente firmato il rinnovo triennale. Ma c’è chi sussurra che ora, con Sabatini, potrebbe cadere pure la testa di Ausilio.

    Suning proverà poi a fare il colpo per la panchina dell’anno prossimo. Fino alla fine, si proverà a convincere Antonio Conte a lasciare il Chelsea. Offrendogli una barca di soldi. Altrimenti, c’è l’ipotesi Diego Pablo Simeone, impegnato ancora con l’Atletico Madrid nelle semifinali di Champions League. Soprattutto per l’ex commissario tecnico dell’Italia, l’assegno da sventolargli sotto il naso è di quelli pesanti: ingaggio da 15 milioni all’anno. Con carta bianca per il mercato e lo staff tecnico.

    La terza ipotesi è Luciano Spalletti, ormai praticamente sicuro di lasciare la Roma a fine stagione. Che con Walter Sabatini ha già lavorato. Quello che è chiaro a tutti è che l’Inter riparte di nuovo da zero. L’ennesima rivoluzione è figlia di un’altra stagione deludente. E all’interno della squadra c’è chi comincia a battere i piedi, vedi il capitano Mauro Icardi, che potrebbe pure cedere alle lusinghe del Napoli o di qualche altra squadra. Dopo aver dato fiducia al progetto Inter l’estate scorsa.