Fifa Awards video: Buffon miglior portiere del mondo nel 2017

Gigi Buffon, capitano della Nazionale italiana e della Juventus, premiato a Londra come il migliore numero uno al mondo per il 2017. Il quasi 40enne ha sfiorato a Cardiff pure la vittoria della Champions League, ma nutre ancora speranze di poter vincere qualcosa di importante prima della fine della carriera. La Champions con la Juve o il Mondiale con l'Italia

da , il

    Fifa Awards video: Buffon miglior portiere del mondo nel 2017

    Gianluigi Buffon è stato votato miglior portiere del mondo per il 2017. E ha ricevuto il Best Fifa Awards durante la cerimonia, a Londra, che si è svolta per premiare i vincitori di quest’anno. Il capitano della Nazionale italiana e della Juventus ha prevalso su Manuel Neuer e Keylor Navas. Qualche lacrima per il giocatore italiano, quasi 40enne, e che spera di giocare l’estate prossima il suo ultimo Mondiale in Russia, il sesto della sua carriera.

    “Sono molto felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età. Voglio ringraziare il mio club, il mio allenatore e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo”. Nell’ultima stagione, a SuperGigi è mancato solo l’acuto finale, a Cardiff, contro il Real Madrid nella finale di Champions League persa male dalla Juventus di Massimiliano Allegri. Ma il portierone non si è ancora arreso, le mani su quella Coppa le vuole mettere eccome.

    “L’ultima stagione è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Vorrei chiudere la carriera con una grande vittoria”. E chissà che, dovesse sfuggirgli di nuovo la Champions, non stia pensando a diventare, dopo Dino Zoff, un altro quarantenne italiano con la Coppa del mondo in mano. Nella serata londinese, che ha visto Cristiano Ronaldo venire premiato come migliore al mondo per il 2017, anche un altro italiano è comparso nella classifica dei migliori 11.

    Si tratta di Leonardo Bonucci, che ha seguito lo stesso percorso dell’ex compagno di squadra alla Juventus, Gigi Buffon. In estate, poi, il clamoroso passaggio al Milan. Dove non ha ancora fatto vedere sprazzi della sua grande classe e, anzi, recentemente è finito nel ciclone delle polemiche per la gomitata all’avversario (con due turni di squalifica) durante l’incontro con il Genoa.