Vittorio Sgarbi attacca Francesco Totti: “È un cretino e lo stadio fa schifo”

Il video che vede il critico d'arte e politico insultare in modo pesante il capitano della Roma a proposito del nuovo impianto

da , il

    Sgarbi insulta pesantemente Totti

    Un attacco durissimo quello di Vittorio Sgarbi nei confronti di Francesco Totti attraverso un video che è stato pubblicato su YouTube e del quale vi proponiamo questa parte, quella finale, che riguarda proprio il capitano della Roma: “È un cretino e non sa ciò che dice. Totti è diventato il consulente supremo per la città di Roma. Non c’è rispetto per i monumenti. Un ignorante come Totti che un giorno disse carpe diem, scusate non conosco l’inglese“. Con il nome del calciatore ripetuto diverse volte quasi a volersene fare una ragione. C’è spazio anche per lo stadio che sembra in via di costruzione e che è al centro delle recenti polemiche sull’amministrazione della Città Eterna: “Il nuovo impianto è un orrore, fa schifo, è una violenza, con la totale devastazione dell’agro romano. Non c’é bisogno di fare i grattacieli, a Roma non ce n’è mai stato uno, e ora che non si fanno più Roma comincia a farne? E’ gente che in nome della speculazione più selvaggia riporta Roma dove non era mai stata“.

    E ora come risponderà Francesco Totti – che recentemente è stato anche ospite speciale al Festival di Sanremo 2017 – a questo insulto diretto di Sgarbi? Pronostichiamo un saggio silenzio stampa sia per non fomentare le polemiche sia per evitare ogni altro possibile sviluppo. Ma non ci sarebbe nemmeno troppo da stupirsi se invece dedicasse al critico d’arte e politico una delle sue esultanze un po’ beffarde in caso di gol. Ricordiamo peraltro che era stato lanciato l’hashtag #famostostadio promosso dai tifosi e pienamente appoggiato proprio dal Capitano che ne è diventato portavoce. Intanto la querelle prosegue e aggiunge una nuova “preoccupazione” al sindaco Raggi che si trova anche a dover badare a quest’altra patata bollente. Di sicuro una vicenda che non finisce qui.