Sconosciuto sale sul palco e alza la Champions League con il Real Madrid

Sconosciuto sale sul palco e alza la Champions League con il Real Madrid

Un ragazzo siciliano entra a San Siro e beffa le Merengues infiltrandosi in mezzo alla squadra

da in Calcio, Champions League, Real Madrid, Sport
Ultimo aggiornamento:
    Sconosciuto sale sul palco e alza la Champions League con il Real Madrid

    Si chiama Gaspare Galasso e dopo aver alzato, da imbucato, la Coppa Italia del 2012, è riuscito ad intrufolarsi alla premiazione di San Siro che ha sancito la vittoria della Champions League di quest’anno da parte del Real Madrid. Il giovane ragazzo ha alzato la coppa dalla grandi orecchie insieme ai campioni delle merengues come Cristiano Ronaldo, Bale e Sergio Ramos.

    Il ragazzo palermitano, dopo aver visto da vicino i grandi campioni del Real Madrid ed aver alzato la coppa sul palco insieme a loro ha dichiarato a TuttoSport: “Quando ho letto sui giornali che la partita sarebbe stata blindata ho pensato ‘sì, blindata per tutti, ma mica per il re delle imbucate’. Sono arrivato a Milano al mattino di sabato vestito con un abito assai elegante e mi sono avvicinato alla zona di San Siro. Al negozio ufficiale di souvenir della Champions League ho comprato la spilla della manifestazione e un porta badge in plastica, uguale a quelli che avevo visto indossare da responsabili della sicurezza, steward e agenti che si occupavano della sicurezza di Real e Atletico“.

    Il racconto non finisce qui perché Galasso, appena prima della partita ha provato ad entrare nello stadio milanese: “Quando mancavano due ore al fischio d’inizio ho deciso di provare a entrare, senza però essere possesso di regolare tagliando d’ingresso. Dopo averci pensato un po’ ho deciso di usare l’ingresso riservato a forze di polizia e personale di servizio.

    A dire il vero gli steward hanno anche provato a controllarmi il biglietto, ma vuoi per il vestito elegante, vuoi per il passo e il tono deciso ma me la sono cavata“.

    La sicurezza dello stadio non è stata certo impeccabile ma tant’è che l’obiettivo del ragazzo era solo fare qualche foto con i campioni: dalle chiacchiere con James Rodriguez al selfie con Sergio Ramos e la stretta di mano con Florentino Perez e Zidane. Il giovane siciliano vorrebbe diventare la nuova mascotte della squadra spagnola e il suo prossimo “colpo” sarà la finale del Mondiale per Club che si terrà in Giappone anche se per quell’obiettivo, dice, avrebbe bisogno di un sponsor.

    399

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioChampions LeagueReal MadridSport Ultimo aggiornamento: Mercoledì 06/07/2016 17:02
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI