Barcellona-Valencia 7-0: Messi e Suarez portano a casa il pallone

Nella semifinale di Copa del Rey, il Barca affonda il Valencia grazie ai suoi bomber di lusso

da , il

    Barcellona-Valencia 7-0: Messi e Suarez portano a casa il pallone

    Il Barcellona rifila un sonore ed incredibile 7-0 al Valencia nella semifinale di andata della Coppa del Re. In campo non c’è mai stata partita. La superiorità dei blaugrana è stata evidente. Suarez ha realizzato quattro gol, salendo a quota 35 gol in 33 presenze in tutte le competizione, mentre Messi si è accontentato dell’ennesima tripletta, la 34′ in carriera. I due bomber decidono di uscire dal campo portandosi a casa, come regalo, il pallone della partita.

    Due mostri sacri del gol. L’arte del segnare, resa celebre dai più grandi attaccanti della storia del “futbol” è una lezione come le altre per gli attaccanti del Barcellona. Sui social, infatti, sta impazzando l’hashtag #Messi500, proprio a testimoniare le reti dell’argentino ma, in realtà, i gol segnati da Messi tra i professionisti sono 485. La differenza sta nei gol nelle giovanili che, come giusto che sia, non vengono conteggiati. Altrimenti Bojan Krkic sarebbe a quota 600, cosi dicono nella cantera.

    Ma tranquilli, un giocatore cosi, quei 15 gol mancanti alla soglia dei 500, li può fare entra la fine della stagione in corsa. Messi è incontenibile, sarà che il quinto pallone d’oro soffiato a Cristiano Ronaldo lo ha caricato ancora di più. Dall’altra parte abbiamo protagonista, con quattro reti, il Pistolero uruguayano. Un vero e proprio killer dell’area di rigore.

    Dopo aver passeggiato sugli avversari andalusi, Messi e Suarez, decidono di portarsi via, entrambi, il pallone della serata . Un’usanza d’origine inglese, il calciatore che ha realizzato tre reti, o più, si porta a casa il pallone e adesso tutti i campionati hanno aderito a questa usanza. In questo caso, però, sono in due a doversi portare a casa il pallone, come ricordo di un’altra serata fantastica: per Messi una delle 34 magiche triplette, per Suarez qualcosa di più.