Chelsea, esonerato Josè Mourinho

Lo Special One paga la sconfitta contro il Leicester di Ranieri

da , il

    Chelsea, esonerato Josè Mourinho

    Josè Mourinho è stato esonerato dal Chelsea. Il tecnico portoghese paga dunque a caro prezzo la sconfitta rimediata contro il Leicester di Claudio Ranieri qualche giorno fa. Questa mattina era solo un’indiscrezione della stampa inglese ma ora è ufficiale: Roman Abramovich, presidente dei londinesi, ha deciso di esonere lo Special One. Il portoghese, seppur si sia qualificato agli Ottavi di Champions League, ha pagato la stagione finora fallimentare in Premier League. Il Chelsea è scivolato a -20 dalla vetta ed è solo 1 punto sopra la zona-retrocessione. Uno smacco troppo grande e dunque via il portoghese per risalire e recuperare una stagione fin qui disastrosa. Nonostante l’ingaggio principesco e il contratto che legava Mourinho al Chelsea fino al 2019 si è deciso per una rescissione consensuale del contratto.

    Il portoghese non è più dunque l’allenatore del Chelsea. Nel comunicato ufficiale, che specifica che si tratta di una rescissione consensuale, non si parla della buonauscita con la quale è stato silurato l’ex allenatore di Real Madrid e Inter.

    Va ricordato che il portoghese e il Chelsea avevano rinnovato il contratto che li legava, appena qualche mese fa, per una cifra intorno ai 40 milioni di euro per i prossimi anni. Per Mourinho è dunque il secondo esonero dal Chelsea in carriera. Anche nella stagione 2007-08, avvenne una situazione simile anche se in quel caso si parlò di ‘dimissioni’ del portoghese. In quell’annata, come in questa, ci fu una partenza a rilento dei blues che non piacque a Roman Abramovich. Ora la storia si ripete con Mourinho nuovamente appiedato dagli inglesi seppur, neanche sei mesi fa, abbia vinto la Premier League. Il portoghese, oltre al 16° posto in Premier League, paga il cattivo rapporto con diversi elementi dello spogliatoio. Non si sa ancora quale sia il nome del successore anche se in molti sognano di essere chiamati alla guida del club. Mourinho lascia dopo 2 anni e mezzo dal suo rientro con una Premier e una coppa di Lega in più in bacheca. Anche questa volta, come nel suo periodo precedente, non è riuscito nell’intento di portare gli inglesi sul tetto d’Europa.