Dalla Serie D alla Juventus: la storia di Alessio Di Massimo

da , il

    Dalla Serie D alla Juventus: la storia di Alessio Di Massimo

    Una storia che sa di favola sportiva quella che ha come protagonista un giovane (ma non giovanissimo) calciatore di Serie D che risponde al nome di Alessio Di Massimo. L’attaccante esterno sembra percorrere le orme di un ex-grande del calcio italiano, Moreno Torricelli, che era giunto alla Juventus direttamente dalle serie minori. Il giocatore classe ’96 era stato infatti notato dagli osservatori bianconeri qualche tempo fa e, dopo un piccolo tira e molla, è in procinto di essere tesserato per poi fare il debutto con la maglia della Vecchia Signora potenzialmente già il prossimo gennaio. Scopriamo di più su questa bella storia di calcio.

    Alessio Di Massimo potrà sbarcare a Torino fra qualche settimana, verso la metà di novembre, ma non potrà essere tesserato dato che dovrà attendere l’apertura ufficiale del mercato alla finestra di gennaio. Potrà ovviamente allenarsi con i futuri compagni e sarà verosimilmente aggregato alla Primavera come fuoriquota. La sua storia è molto curiosa perché – tra i bianconeri – ha un precedente solo con Moreno Torricelli.

    Torricelli era un giocatore part-time dato che all’epoca della Carrarese (Serie D) lavorava anche come falegname. Ma durante un’amichevole proprio tra Carrarese e Juventus stupì tutti per le sue doti atletiche e di qualità e fu chiamato in prova. Giovanni Trapattoni se ne innamorò e caldeggiò l’acquisto. Per 50 milioni di lire la Juve si assicurò un esterno preziosissimo. Vinse Scudetti, Coppa dei Campioni, Coppa Uefa, Supercoppa Italiana e Europea e Intercontinentale.

    Alessio Di Massimo sta avendo un inizio molto simile e auguriamo per lui una carriera ispirata da quella di Torricelli. L’attaccante esterno classe ’96 in forza all’Avezzano fino all’anno scorso giocava ancora in Eccellenza, più precisamente nell’Alba Adriatica, ma oggi la proprietà è del Sant’Omero, squadra di Promozione. La Juve lo ha osservato in due occasioni ed è rimasta convinta. Cosa potrà fare?