NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Pennetta Pasta e Da Vinci Code: gli imbarazzanti tweet ufficiali dello US Open

Pennetta Pasta e Da Vinci Code: gli imbarazzanti tweet ufficiali dello US Open
da in Social Network, Sport, Tennis, Twitter

    Davvero imbarazzanti per non dire scandalosi i nomignoli trovati da uno dei responsabili del canale ufficiale Twitter dello US Open in merito alle nostre due atlete, Flavia Pennetta e Roberta Vinci, che si sono contese la finale femminile. Con l’intento di un commento ironico e simpatico, ma col risultato di ottenere qualcosa di piuttosto ridicolo, la prima è diventata Pennetta Pasta e la seconda Da Vinci Code e i tweet sono continuati in diretta per tutto il match, rimanendo peraltro ancora online nonostante la valanga di risposte soprattutto dagli italiani, ma non solo.

    Come ormai tutti sanno, la finale femminile dello US Open 2015 di Tennis è stata disputata tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci sul campo centrale del megacomplesso presso New York. È stata una sfida non così spettacolare come le due semifinali – soprattutto quella della Vinci contro l’idolo locale Serena Williams, pressoché imbattuta quest’anno e caccia del Grande Slam – ma che ha messo in mostra due giocatrici piene di talento, di impegno, serietà e anche di quella spensieratezza tutta italiana che si è messa in mostra al momento della premiazione. Un esempio di sportività e di rispetto che purtroppo non è emersa dai tweet del canale ufficiale.

    Forse per apparire più simpatico, Brad Gilbert, ex-tennista e allenatore ora commentatore comico-tecnico ha inventato questi nomignoli come Pennetta Pasta per Flavia e Da Vinci Code per Roberta, giocando rispettivamente su uno degli alimenti italiani più conosciuti al mondo e sul celebre inventore, peraltro ricordato solo per il romanzo di Dan Brown (che potrebbe diventare Charlie Brown), a confermare la tipica americanocentricità d’oltreoceano. Forse la sconfitta di Serena Williams (mica l’abbiamo mai chiamata Pera Williams noi?), letteralmente domata e sconfitta in modo perentorio dalla Vinci, sul campo di casa, non è andata così giù, vero?

    E così si è preferito prendere in giro le nostre atlete invece che dare il risalto che avrebbero meritato, visto che quasi tutti gli organi di stampa americani hanno snobbato la finale concentrandosi su tutto ciò che era collaterale. Un’occasione persa, l’ennesima. Ma per fortuna rimarranno le immagini della premiazione, con due amiche che hanno combattuto e che poi festeggiano insieme e poi, subito dopo, con la Pennetta che annuncia il ritiro dopo la vittoria, con una dignità e una serietà sportiva ammirevoli.

    558

    PIÙ POPOLARI