Copa America 2015 al Cile padrone di casa

Copa America 2015 al Cile padrone di casa
da in Attaccanti, Brasile, Calcio, Nazionale italiana di calcio, Serie A, Sport, Colombia, Oscar Tabarez
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18/01/2017 07:18

    Il Cile vince la Copa America 2015 giocata in casa battendo l’Argentina per 4-1 ai rigori, dopo che i tempi regolamentari e quelli supplementari erano terminati a reti inviolate. Si decide tutto ai penalty e Messi deve ancora una volta accontentarsi di un piazzamento con l’albiceleste, rimanendo fermo all’Oro Olimpico. La Roja alza peraltro anche la sua prima coppa continentale. Grande felicità sugli spalti e per le vie del paese. Sono stati decisivi gli errori dal dischetto di Higuain (tremenda la sua performance dagli 11 metri quest’anno per lui) e Banega con il suggello del cucchiaio finale di Sanchez.

    La finale per il terzo/quarto posto sorride al Perù che batte il Paraguay per 2-0 con reti di Guerrero e Carrillo nella ripresa andando a raggiungere il bronzo già messo in cascina nel 2011. E nel frattempo lo stesso Paolo Guerrero raggiunge Edu Vargas in testa alla classifica dei cannonieri della manifestazione in attesa della finale di domani tra Argentina e Cile.

    Travolgente vittoria per l’Argentina contro il Paraguay nella semifinale di Copa America 2015 che si chiude in modo tennistico sul 6-1. Sembra incredibile, ma non c’è Leo Messi nel tabellino dei marcatori, tuttavia La Pulce è protagonista assoluto con magie, assist e spettacolo puro. La prima rete arriva già al 14′ con il difensore Marcos Rojo, poi al 26′ è il momento di Pastore. Sembra riaprirsi uno spirgaglio per il Paraguay al 42′ con Lucas Barrios, ma nel secondo tempo arriva la doppietta perentoria di Di Maria al 47′ e 53′ completata dalle reti di Aguero (80′) e Higuain (83′). Appuntamento in finale con il Cile sabato 4 luglio.

    Un match tesissimo quello che porta il Cile in finale nella Copa America 2015 che sta giocando in casa. Vidal e compagni battono 2-1 un buon Perù che ha dovuto giocare in inferiorità numerica dal 20esimo del primo tempo dopo l’espulsione di Zambrano. Ha deciso la gara un ritrovato Edu Vargas che mette a segno la doppietta, mentre la rete peruviana è un autogol di Medel. Certo che gli ospiti avrebbero meritato altra sorte perché hanno dominato e preso un palo prima del rosso (frutto di due gialli ingenui). Tante proteste a fine gara visto che Vidal ha evitato un sacrosanto cartellino e anche il primo gol di Vargas è da rivedere per sospetto fuorigioco. Ora si attende la vincente dell’altra semifinale tra Argentina e Paraguay.

    Clamorosa eliminazione del Brasile nei quarti di finale di Copa America 2015: i verdeoro devono dire addio al torneo continentale dopo la sconfitta ai rigori contro il Paraguay, seguita all’1-1 dei tempi regolamentari. Niente sfida in semifinale con l’Argentina. Sono stati fatali i rigori di Everton Ribeiro e Douglas Costa, sbagliati. Le reti erano state messe a segno da Gonzalez per i vincitori e da Robinho per gli sconfitti: l’ex-milanista era stato protagonista di una bella gara. Ancora una volta un leggerezza di Thiago Silva, il cui fallo di mano provoca il rigore, messo a segno, del pareggio paraguayano.

    Sono serviti 14 rigori per portare l’Argentina in semifinale di Copa America 2015, ma alla fine Tevez può esultare e rompe un ennesimo tabù, quello con la propria nazionale, diventandone trascinatore. Decisivo l’errore di Murillo per la Colombia che comunque non ha affatto sfigurato contro l’Albiceleste, con un fortino che ha retto nonostante il dominio di Messi e compagni. Si incontrerà ora la vincente della sfida tra Brasile e Paraguay, non così scontata.

    Un risultato netto quello del quarto di finale di Copa America 2015 tra Perù e Bolivia con i primi che si impongono per 3-1 sfruttando una giornata di grazia del bomber Guerrero – ex di Bayern e Amburgo – che mette a segno una tripletta decisiva. Arriva solo nel finale il gol su rigore del boliviano Marcelo Moreno. Ora la Blanquirroja se la vedrà con i padroni di casa del Cile che ieri avevano sconfitto nel primo quarto l’Uruguay di Cavani.

    Il Cile batte l’Uruguay per 1-0 al termine di una gara molto nervosa nei quarti di finale della Copa America 2015. Decide una rete dell’ex-juventino Isla poco dopo l’espulsione di Edinson Cavani che reagisce non dal professionista che è a una provocazione di bassa lega (e alle parti basse) del difensore avversario Jara. Ora i ragazzi di Sampaoli aspetteranno la vincente dell’altro quarto tra Bolivia-Perù. E dire che gli ospiti hanno anche rischiato il colpaccio in inferiorità numerica grazie a due tentativi di Sanchez e Rodriguez.

    Si qualifica per i quarti di finale di Copa America 2015 il Brasile che fa il compitino battendo una ostica Venezuela per 2-1. Orfano di Neymar (che verosimilmente ha già terminato il proprio torneo), esulta con i gol di Thiago Silva e Firmino mentre i Vinotinto escono tra gli applausi con una punizione di Arango ribattuta che vede lo splendido tuffo di Miku, che poco dopo ha anche l’occasione del clamoroso pareggio. Non sarebbe stato affatto demeritato e fa riflettere la tattica ultra-difensivista di Dunga che nel finale toglie tutto l’attacco infarcendo la Selecao di difensori, abbassando così il baricentro troppo pericolosamente.

    Termina 0-0 la sfida tra il Perù che si qualifica trovando la Bolivia e la Colombia che se la dovrà vedere nientemeno che con l’Argentina di Messi, che a sua volta potrebbe ritrovarsi il Brasile in semifinale. Match finito a reti inviolate per merito anche e soprattutto dei portieri Ospina e Gallese che chiudono definitivamente le serrande. Era una partita decisiva per il secondo-terzo posto e va peggio ai Cafeteros per peggior differenza reti. Ancora una grande prestazione del neo-interista Jeison Murillo, che gran difensore.

    Terminato il quadro della fase a gironi, si passa ai quarti di finale ai quali hanno avuto accesso le tre prime, le tre seconde e le due migliori terze. Fuori il Venezuela e l’Ecuador per i punti della terza posizione, si avranno questi match a questi orari (ricordiamo, diretta TV in chiaro anche sul web su Gazzetta TV). Cile-Uruguay (giovedì 25 giugno all’1.30) Perù-Bolivia (venerdì 26 giugno all’1.30) Argentina-Colombia (sabato 27 giugno all’1.30) Brasile-Paraguay (sabato 27 giugno alle 23.30)

    Un Cile travolgente batte per ben 5-0 la Bolivia e si qualifica da prima del proprio girone ai quarti di finale della Copa America 2015 che sta giocando in casa. Gli avversari festeggiano comunque, passando come secondi mentre l’Ecuador riesce nell’impresa di battere il Messico per 2-1 (Bolanos e Valencia, poi rigore ininfluente di Jimenez) e ora sperano di passare come una delle due migliori terze. Tornando alla sfida del team orfano di Vidal confinato in tribuna per squalifica, i gol sono stati messi a segno da Aranguiz autore di una doppietta, poi Sanchez, Medel da Raldels.

    La Copa America 2015 scopre il girone più interessante ed è quello C che vede Brasile, Colombia, Perù e Venezuela tutte appaiate a 3 punti dopo tre turni avendo inanellato una sconfitta e una vittoria ad incastro. Una situazione imprevedibile alla partenza, che farà decidere tutto nella terza e conclusiva giornata. Dopo la sconfitta dei carioca con i colombiani, è stato il Perù ad avere la meglio sul Venezuela con un gol dell’immortale Pizarro. Il 36enne ex di tante grande squadre decide con un gol a 20 minuti dal triplice fischio.

    Spettacolo indecoroso nel finale del supermatch di Copa America 2015 tra Colombia e Brasile con due tra i giocatori più rappresentativi ossia Bacca da una parte e Neymar dall’altra che vengono alle mani (e ai piedi) e che dunque vengono giustamente espulsi entrambi ben oltre il 90esimo minuto. La partita aveva visto la vittoria per uno a zero dei colombiani con una rete del futuro neroazzurro Murillo al 37esimo del primo tempo. Ancora una prestazione deludente per i verdeoro.

    Nel match che verosimilmente deciderà la prima e la seconda posizione del girone B, l’Argentina ha la meglio dell’ostico Uruguay solamente al 56esimo con una rete del Kun Aguero che approfitta di una situazione favorevole. Match molto fisico, non spettacolare e con diversi episodi di rissa. Nell’altra partita del girone, il Paraguay batte 1-0 la Giamaica con una rete di Benitez al 36esimo.

    Pioggia di gol nella supersfida di Copa America 2015 tra i padroni di casa del Cile e il Messico in cerca di rivalsa dopo il deludente pareggio a reti inviolate contro la Bolivia che esce vittoriosa dall’altro scontro per 3-2 contro l’Ecuador. Allo Stadio nazionale di Santiago si è inaugurata la seconda giornata del Girone A e si è visto subito la rete degli ospiti di Matias Vuoso al 21′, poi l’immediato pareggio di Arturo Vidal, già al 29′ c’è il raddoppio del Messico con Raul Jimenez e nuovamente il Cile pareggia con Eduardo Vargas al 42′. Secondo tempo con ancora Vidal su rigore (55′) e pareggio ospite con Vuoso al 66′.

    Salta in testa al girone la Bolivia che batte l’Ecuador per 3-2 passando in vantaggio con Ronald Raldes già al 5′, poi raddoppio con Martin Smedberg al 18′ e terzo vantaggio su rigore di Marcelo Moreno al 43′, il tentativo di rimonta si ferma ai gol di Jefferson Montero al 48′ e di Miller Bolanos.

    Neymar si è messo sulle spalle il Brasile e, da migliore in campo assoluto, decide il primo incontro della Copa America 2015 dei carioca. L’attaccante del Barcellona prima segna un gol facile facile di testa su cross perfetto di Dani Alves, poi offre una palla preziosissima per Douglas Costa che deve solo limitarsi a depositarla in rete, al 92esimo. Il Perù era passato in vantaggio con una rete di Cueva che ha sfruttato l’ennesimo pasticciaccio di David Luiz. È davvero incredibile che un giocatore così sia uno dei difensori più quotati al mondo, nonché titolare di nazionale e Paris Saint-Germain.

    Clamorosa sconfitta della Colombia, una delle squadre più attese di questa Copa America 2015 che viene battuta 1-0 dal Venezuela grazie a una rete di Rondon. A Rancagua, nella prima partita del gruppo C, i Cafeteros vengono puniti dalla punta che milita nello Zenit San Pietroburgo al 60′. La Colombia non riesce a rimontare, nonostante i nomi grossi che vestono la camiseta gialla, talenti come Falcao, James e Cuadrado oltre che per il neo-milanista Jackson Martinez.

    Sorpresa alla Copa America 2015 con il Paraguay che rimonta e pareggia l’Argentina al 90′: dopo essere andata sopra di due reti, l’albiceleste si fa riprendere e termina 2-2. Le reti argentine sono state messe a segno da Aguero e Messi ai quali hanno risposto Haedo Valdez e Barrios. Notevole il calo fisico di Messi e compagni che hanno sprecato l’inverosimile, poi hanno tentato il tutto per tutto buttando nella mischia anche Tevez e Higuain.

    Bella prova di cuore e di coraggio per la Giamaica che perde, ma con dignità contro l’Uruguay nel primo turno del girone B in Copa America. I caraibici si arrendono solo dopo una rete di Cebolla Rodriguez (ex-Parma) nel secondo tempo dopo aver fatto penare Cavani e compagni per tutto il primo. Oscar Tabarez rompe il tabù del debutto in Coppa America che nelle ultime tre edizioni non aveva mai vinto nella prima gara.

    Termina con uno spento 0-0 la seconda gara del gruppo A che vede il Messico pareggiare a reti inviolate contro la cenerentola Bolivia. Oltre al danno la beffa: Rafa Marquez fuori per infortunio a inizio ripresa. È il quarto pareggio consecutivo al debutto per la nazionale sudamericana in Copa America.

    Esordio convincente in Copa America 2015 per il padrone di casa Cile che sconfigge per 2-0 l’Ecuador con due gol “italiani”. Il primo è stato messo a segno dallo juventino Arturo Vidal mentre il secondo dall’ex-napoletano Edu Vargas. A proposito di Serie A, si segnala anche la doppia ammonizione con relativa espulsione di Mati Fernandez a fine partita. Il centrocampista si era procurato il rigore e non l’aveva sbagliato mentre la punta si era confermata all’84esimo, poco dopo che gli ospiti avevano stampato la palla sulla traversa con Valencia.

    Per calendario, orari, partite e programma, ecco il nostro speciale sulla Copa America 2015.

    3186

    PIÙ POPOLARI