NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Nicolas Anelka: “Vieira mi umiliò schiaffeggiandomi col suo pene enorme”

Nicolas Anelka: “Vieira mi umiliò schiaffeggiandomi col suo pene enorme”
da in Calcio, Sport

    Vi ricordate di Nicolas Anelka? L’attaccante francese, Campione d’Europa nel 2000 con la Francia, è stato uno dei giocatori più girovaghi ma allo stesso tempo vincenti di sempre. Dal 1996 al 2015 ha infatti giocato in 12 squadre tra cui il Real Madrid, l’Arsenal, il Chelsea e la Juventus con fortune alterne, ma riuscendo spesso e volentieri ad alzare trofei al cielo. Attualmente Anelka è impegnato nel campionato indiano e milita nel Mumbai City. Anni fa il francese decise di scrivere la sua autobiografia e negli ultimi giorni, complice un insolente tweet di un giornalista spagnolo, quest’ultima è tornata prepotentemente alla moda tanto da aver scatenato il web. In un passaggio del suo libro Anelka racconta di un post-partita molto movimentato quando giocava negli inglesi dell’Arsenal. Girate la pagina per leggere l’estratto del libro scritto dall’attaccante francese.

    Sbagliai un goal in una gara contro il Fulham in casa, perché accecato dal sole- è l’inizio dell’incredibile racconto scritto da Anelka nella sua biografia- Vieira mi guardò male e capii che non sarebbe finita in campo. Infatti negli spogliatoi, una volta sotto la doccia, si rivolse contro di me e io gli risposi sapendo che non avrei dovuto. Dopo la doccia, mentro ero seduto, si avvicinò e mi diede uno schiaffo con il suo pene. Patrick Vieira era il capitano dei Gunners in quelle stagioni e l’episodio ebbe ovviamente dei riscontri negativi nell’umore e nella stima dell’attaccante francese. “E’ stato come venire colpito da un salmone bagnato di 35 centimetri in piena faccia! – ha continuato Anelka nel suo racconto- Nessuno poteva credere a quello che stava vedendo, potete immaginare quanto sia imbarazzante essere schiaffeggiato da una spada di quelle dimensioni. E’ stato il momento peggiore della mia vita. Nessuno disse nulla finchè Ashley Cole ruppe il silenzio chiedendo se ora toccasse a lui. In quel momento ho capito che sarei dovuto andare via”. Questo episodio gravissimo è stato riportato alla luce dopo moltissimi anni da un giornalista spagnolo e il web ora si sta scatenando per questo brutto gesto di nonnismo fatto da Vieira. Stando al libro scritto da Anelka anche il tecnico Wenger non prese sul serio questo brutto episodio ed anzi rincarò la dose indicando i genitali del giocatore: Ecco perché è il vostro capitano, guardate che cosa ha… “. Nello spogliatoio della squadra londinese, stando sempre al racconto di Anelka, Vieira veniva soprannominato ‘Le Long’.

    504

    PIÙ POPOLARI