NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Serie A: I maggiori scandali del calcio italiano

Serie A: I maggiori scandali del calcio italiano
da in Calcio, Juventus, Milan, Record Sportivi, Serie A, Sport

    Sono ormai diverse estati consecutive che il nostro calcio è sempre investito da bufere extra-calcistiche che hanno poco a vedere con lo sport. Corruzione, scommesse, passaporti falsi e molto altro: finito il campionato scendono in campo le procure con i loro maxi processi che riguardano tutte le squadre professionistiche e che fanno tremare il mondo del pallone. Di oggi, ma non ultimo, riguarda 30 squadre di Lega Pro, la vecchia Serie C, indagate per illecito e combine. Insomma anche quest’estate si preannuncia rovente in sede legale. Ma quali sono stati i 10 maggiori scandali sportivi che riguardano il nostro pallone? Sfogliate le pagine per scoprirli!

    Il Torino vinse lo scudetto ma gli fu revocato. Ancora adesso c’è un alone di mistero su quella stagione. Si vocifera che il dirigente granata Nani corruppe il giocatore della Juventus Allemandi per far perder il derby ai bianconeri. Il calciatore accettò la prima parte dell’assegno ma poi gioco un ottimo match. Successivamente il dirigente e il calciatore litigarono furiosamente in un albergo e furono scoperti dal giornalista Farminelli che scrisse un articolo-scandalo. Da li iniziò l’indagine che inchiodò il Torino e lo scudetto fu revocato.

    il Napoli è colpevole della tentata corruzione di alcuni giocatori bolognesi durante il campionato 1947/48. Questo è considerato il primo scandalo del dopoguerra. La squadra partenopea viene cosi relegata all’ultimo posto della classifica ed il suo presidente, Muscariello, viene radiato dal calcio. Il Napoli ripartirà dalla Serie B.

    Fu uno dei più grossi scandali che travolsero la nostra serie A. La stagione fu 1979/80 e vennero coinvolti giocatori, dirigenti e società di Serie A e B. Motivo? venivano truccate le partite di campionato attraverso scommesse clandestine che erano considerate un illecito per la FIGC. Avellino, Bologna, Lazio, Milan e Perugia sono le squadre che furono coinvolte in Serie A.

    Nandrolone, lo steroide trovato nelle urine di alcuni calciatori del campionato di serie A e B, fece scoppiare lo scandalo doping. Calciatori che si iniettavano sostanze dopanti per migliorare le proprie prestazioni sportive aiutati dai medici delle varie società. Il tecnico boemo Zeman fece una campagna e una carriera denunciando queste episodi ‘marci’ che coinvolsero molte squadre anche blasonate come la Juventus.

    Lo scandalo passaporti-truccati è sempre stato in auge nella nostra Serie A. Nei decenni passati molti calciatori stranieri, in particolare sudamericani, pur di giocare nel nostro campionato facevano carte false dichiarando di avere antenati italiani. La FIGC ne smacherò molti ma ne perse anch tanti altri. Negli anni 2000 ci fu anche l’incredibile caso di Eriberto, centrocampista dell’Inter. Si scoprì che il giocatore in realtà si chiamava Luciano ed aveva 4 anni in più di quelli dichiarati sotto il falso nome di Eriberto.

    Nell’estate del 2006 ci fu lo scandalo con la ‘S’ maiuscola. Si scoprì che il calcio in Italia era corrotto e comandato da una cupola di malviventi. Il filone di indagini durò per anni con dirigenti inibiti e radiati, società penalizzate e la Juventus in Serie B. L’Inter, che nel 2006 si aggiudicò il famoso ‘Scudetto di cartone’, negli ultimi anni fu prescritta perchè anch’essa era colpevole. Probabilmente è stata la pagina più nera e brutta del nostro calcio.

    Un’altra maxi-indagine è scoppiata qualche estate fa. Dopo 30 anni è stata scoperta un’altra rete di calcio-scommesse che riguardava moltissimi calciatori, ex giocatori e delinquenti. Lo scopo di tutto questo era ovviamente quello di truccare le partite per guadagnarci con le scommesse. Molti calciatori finirono in galera con anche delle annuali squalifiche sportive.

    Ora l’ultimo scandalo firmato ‘calcio italiano’ riguarda la Lega Pro. L’ex Serie C sembra ormai diventata la meta preferita per gli scommettitori. Nel nuovo processo sono già indagate oltre 30 società che pare abbiano combinato le partite per guadagnare a loro volta valanghe di soldi. Il processo è appena incominciato ma siamo certi che, nei prossimi mesi, scoppierà e farà emergere l’ennesima pagina nera del pallone italiano.

    876

    PIÙ POPOLARI