NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Zeman si dimette dal Cagliari

Zeman si dimette dal Cagliari
da in Calcio, Sport, Walter Zenga
Ultimo aggiornamento: Martedì 21/04/2015 10:12

    Arriva a sorpresa la notizia delle dimissioni di Zdenek Zeman dal ruolo di allenatore del Cagliari: secondo quanto riporta il quotidiano l’Unione Sarda, il tecnico boemo si sarebbe “arreso” presentando la rinuncia irrevocabile alla propria mansione e dunque abbandonando anche qualsiasi pretesa economica. Qual è il motivo? Dopo l’imperdonabile aggressione degli ultrà, seguita a un periodo di gioco non così entusiasmante, il mister avrebbe spiegato al presidente Tommaso Giulini di essere deluso dall’atteggiamento dei giocatori, che ormai non lo seguono più. Le sue prime parole sarebbero: “Io ho dato tutto me stesso, ora è giusto che ognuno si prenda le sue responsabilità. Dimettendomi io faccio la mia parte, ora gli altri si assumano le proprie responsabilità”.

    Via Zola ritorna Zeman: rivoluzione (annunciata) in casa Cagliari con il magic box che viene esonerato e viene così richiamato al proprio posto l’allenatore boemo che a inizio stagione non aveva un granché ingranato. Ma per una società come quella sarda, avere due mister in busta paga è troppo dispendioso e così ecco la seconda puntata di Zeman in Sardegna. Il bottino di Zola è stato di 8 punti in dieci gare contro i 13 punti in 16 giornate del più esperto collega. Il presidente Giulini, manco a dirlo, chiede la salvezza.

    Buona la terza Z nel destino del Cagliari: dopo l’esonero di Zdenek Zeman e il rifiuto di Walter Zenga che aveva gentilmente declinato l’invito del presidente Tommaso Giulini via Twitter con un perentorio “Resto a Dubai”, sarà Gianfranco Zola l’allenatore del team sardo. Un ritorno a casa per Magic Box, che dopo aver giocato e allenato in Inghilterra ritorna finalmente in Italia per un’esperienza che ci auguriamo sarà entusiasmante. Certo, la situazione dei rossoblu non è così esaltante, dato che la posizione è in piena zona retrocessione con un gioco che – dopo un inizio convincente – è peggiorato. Il vice sarà un altro nome noto del calcio degli anni ’90. Stiamo parlando di Pierluigi Casiraghi. Zola aveva iniziato la propria carriera da calciatore nella Nuorese poi il passaggio alla Torres con tre ottimi campionati nelle serie C (1 e 2) da protagonista, che gli valgono la chiamata dal Napoli dove trova la consacrazione. Continua a deliziare i tifosi anche a Parma (anche se vive momenti difficili per via del dualismo con Hristo Stoichkov e il ruolo di esterno sinistro affibiato da Ancelotti) e viene acquistato dal Chelsea, dove conquista subito il cuore dei tifosi, tanto da meritarsi il soprannome di Magic Box, per lo straordinario talento in un fisico minuto. Infine, termina la carriera alla grande al Cagliari contribuendo alla promozione in Serie A e segnando due reti nell’ultima gara ufficiale contro la Juventus. Si ritira e inizia ad allenare West Ham e poi Watford e anche per un breve periodo la Nazionale azzurra under 16.

    606

    PIÙ POPOLARI