NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Le regole del baseball americano in breve

Le regole del baseball americano in breve
da in Baseball, Sport
Ultimo aggiornamento: Giovedì 11/05/2017 07:17

    Si crede che le regole del baseball americano siano troppo difficili da capire in pochi minuti e che servirebbe forse qualche giorno per assimilarle appieno. In realtà sono piuttosto basilari, ma non essendo uno sport eccessivamente praticato e visto in Italia si corre il rischio di considerarlo troppo ostico e mal digeribile. In breve, come capirci qualcosa se si guarda una partita di baseball americano? Diamo un’occhiata alle regole e alle nozioni di base, così da non arrivare mai impreparati. Prima di tutto il campo: è a forma di quarto di cerchio con un territorio “buono” e uno no, chiamato foul. Le basi sono poste su un quadrato di 27,43 metri di lato, con i cosiddetti cuscini di 1/a, 2/a e 3/a base e la casa base con, a 18,44 metri e sulla diagonale della 2/a base, la pedana del lanciatore.

    Lo scopo del Baseball è ovviamente quello di fare più punti possibili, ma in che modo, per quanti giochi e con che limitazioni e vantaggi? Solitamente si gioca per 9 innings ossia riprese ognuna con una fase di battuta (dunque di attacco) e una di difesa: quando entrambe le squadre si sono impegnate sia in una sia nell’altra fase si cambia ripresa. Ma quando termina? Quando tre giocatori d’attacco sono eliminati. Come si eliminano? Prima di tutto c’è da specificare che ogni squadra è formata da 9 giocatori più le riserve che in difesa diventano lanciatore, ricevitore, prima base, seconda base, terza base, interbase, esterno sinistro, esterno centro ed esterno destro secondo lo schema di cui sotto. In difesa i giocatori si presentano uno alla volta come battitori.

    Il battitore deve respingere la pallina lanciata dal lanciatore attraverso “l’area dello strike” o “area di battuta” ossia lo spazio sopra la casa base compreso tra la linea immaginaria delle ginocchia e quella delle ascelle. Se non colpisce la palla o non si muove è strike, dopo tre viene eliminato. Ma verrà immediatamente eliminato se la pallina ribattuta sarà ripresa al volo o se verrà tirata da un difensore in prima base prima che il battitore la raggiunga.

    L’arbitro chiamerà un ball a favore dell’attacco se la pallina non attraversa l’area di strike, dopo 4 ball il battitore guadagna automaticamente il diritto alla prima base. Il battitore che ha colpito una palla valida può correre fino alla casa base (se riesce ad arrivare in tempo) raggiungendo un punto per la propria squadra. Allo stesso tempo tutti i “corridori” fermi nelle varie basi possono “attivarsi” nel momento in cui qualche compagno di squadra ribatte una pallina. Il corridore è eliminato se viene toccato mentre lui non tocca la base, con la pallina saldamente in mano oppure facendo arrivare la pallina a contatto con la base verso dove il corridore sta correndo.

    Nel caso in cui si segni un fuori campo ossia il battitore ribatta la palla oltre le recinzioni allora può correre tranquillamente fino alla casa base conquistando un punto per la squadra. Se ci sono altri corridori in altre basi, anche loro porteranno a casa altri punti. Chi vince una partita nel baseball? La squadra che ottiene più punti dopo 9 innings, una partita dura 2/3 ore, se si è in parità al nono si prosegue ad oltranza.

    728

    PIÙ POPOLARI