Le 10 bandiere del calcio moderno

Le 10 bandiere del calcio moderno
da in Champions League, Francesco Totti, Mondiali di calcio, Sport, Iker Casillas, Paolo Maldini, Ryan Giggs
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16/11/2016 07:17

    Il concetto di “fedeltà” nel calcio moderno è qualcosa di impensabile. Sceicchi e non solo, con valanghe di milioni, convincono anche i giocatori più forti ad accettare qualsiasi squadra. Un tempo però non era cosi. Esistevamo le cosiddette “bandiere”, ovvero quei giocatori cresciuti in un club e che hanno indossato una sola maglia in carriera. Una volta usciti dal settore giovanile iniziavano una carriera di 15-20 anni in prima squadra facendo prima da gregario poi da condottiero della team. Anche se la big di turno bussava alla sua porta, la “bandiera” rispondeva con un cordiale: “No, Grazie”. Ecco la classifica delle 10 bandiere più forti ed importanti del calcio.

    Il portiere del Real Madrid è stato uno dei più forti portiere degli ultimi 10 anni. Capitano e campione del Mondo con la Spagna, ha giocato sempre e solo nel Real Madrid dove è capitano. Ai tempi di Mourinho ha rischiato di andarsene ma alla fine è restato fedele al suo team.

    Considerato il miglior portiere di tutti i tempi, Yashin ha giocato soltanto in Russia e più precisamente alla Dinamo Mosca. Portiere esplosivo che ha fatto le fortune del suo club. Yashin è stato anche l’unico portiere a vincere il pallone d’oro.

    In Inghilterra viene soprannominato JT ma anche “leggenda” e “leader”. Baluardo difensivo del Chelsea, è stato uno dei centrali più forte degli anni 2000. Ora sta giocando le ultime stagioni ma Mourinho continua a puntare su di lui.

    Colonna del Manchester United per anni è considerato fra i migliori della sua generazione. Alex Ferguson ha fatto le sue fortune grazie al rosso centrocampista. Era soprannominato “Silent Hero” perchè non si faceva mai intervistare dopo le gare.

    Negli anni in molti hanno bussato alla porta del capitano della Roma. Real Madrid, Manchester United, Milan ci hanno provato a più riprese ma lui è sempre rimasto fedele al suo grande amore giallorosso. Attaccante completo che ha saputo far infiammare il mondo con giocate sensazionali.

    Per Gerrard vale lo stesso discorso di Francesco Totti. Giocatore diventato ormai una leggenda per i tifosi del Liverpool. Campione dentro e fuori dal campo, ha rifiutato tante proposte per restare a Liverpool. I fans lo adorano.

    Xavi è ora il capitano del Barcellona. Il fortissimo centrocampista spagnolo, campione del mondo con la Spagna e pilastro del centrocampo di Guardiola è uscito dalla cantera blaugrana. Restato per anni alla guida della prima squadra potrebbe chiudere a fine stagione perchè il rinnovo tarda ad arrivare.

    Carles Puyol è stato l’icona del Barcelona di Pep Guardiola. Il ricciolone è considerato come uno dei più forti difensori degli ultimi 20 anni. Velocità, forza fisica e leadership fanno di Puyol una vera leggenda. Si è ritirato dal calcio questa estate.

    Ryan Giggs ha giocato fino a 40 anni suonati nel Manchester United. Titolare con Ferguson sempre e comunque. In fascia quando aveva lo sprint bruciante, come interno di centrocampo col passare degli anni. Una tecnica sopraffina che hanno fatto diventare Giggs una leggenda dello United.

    La classifica delle bandiere è vinta da Paolo Maldini. Una vita al Milan, 15 anni consecutivi come capitano. Ha sempre giocato con qualsiasi allenatore ed è stato un vero baluardo difensivo del Milan e della Nazionale. Ora vorrebbe fare il dirigente ma le porte di Milanello sembrano al momento chiuse per lui.

    999

    PIÙ POPOLARI