Pagelle Serie A 2014/15: i voti dell’undicesima giornata

da , il

    Pagelle Serie A 2014/15: i voti dell’undicesima giornata

    Si è giocato l’undicesimo turno di Serie A 2014/15 e siamo pronti con la pagella con tutti i voti delle squadre impegnate nel massimo campionato italiano. Continua la lotta a distanza tra JUVENTUS e Roma, che si spingono a vicenda vincendo e staccandosi dalla concorrenza. Iniziamo proprio dai bianconeri che hanno demolito per 7-0 il PARMA allo Stadium, con tre doppiette di Llorente, Tevez e Morata e rete di un Lichsteiner fondamentale grazie ai due assist e tanta qualità. Di contro, i gialloblu sono apparsi imbarazzanti in difesa, un team lontano anni luce da quello dell’anno scorso, che se continua a giocare così merita la retrocessione a occhi chiusi. Voti 8 per i padroni di casa, 4 per gli ospiti. Dopo il salto, tutti gli altri voti.

    La ROMA schianta 3-0 il TORINO con una rete in apertura di Torosidis, col raddoppio di Keita e con il bel gol di Ljajic nella ripresa per chiudere la pratica senza troppi affanni. I granata sono in un periodo poco brillante e – dopo la sconfitta in Europa League – devono darsi una mossa velocemente. Voti 7.5 per la Roma, 5 per il Toro.

    Il NAPOLI torna al terzo posto solitario come l’anno scorso battendo 1-0 la FIORENTINA in trasferta con un gol ancora una volta del capocannoniere (con Tevez) Higuain, che risolve anche questo match. La Roma è a quattro punti, il secondo posto non è un obiettivo così impossibile. Voti 7 per il Napoli, 5 per la viola.

    LaPresse

    La SAMPDORIA pareggia 2-2 col MILAN nell’anticipo di sabato tra le contendenti all’Europa League e dimostra che non è solo un momento buono, ma una stagione che può risevare succose soddisfazioni. Inzaghi conferma invece di essere al timone di una buona squadra, che però non può puntare in altissimo. Voti 6.5 a entrambe.

    La LAZIO cade 2-1 a EMPOLI, una battuta d’arresto inaspettata per i biancocelesti che perdono il treno giusto per restare in scia ai concittadini. Non basta il gol del solito Djordjevic perché i toscani si erano portati in doppio vantaggio con Barba e Maccarone. Avviene tutto nel secondo tempo. Voti 7 per i padroni di casa, 5.5 per gli ospiti.

    Pareggia anche il GENOA per 1-1 con il CAGLIARI di Zeman con reti di Farias (che nell’intervista all’intervallo non dedica il gol a Gigi Riva, ma perché? Voto 3) e con uno sfortunatissimo autogol di Rossettini. Voti 6.5 per il Genoa, 6 per il Cagliari.

    Non sa più vincere l’UDINESE che pareggia 1-1 contro un PALERMO al contrario in buona forma. Al gol in apertura di Thereau risponde Dybala su rigore e ora i bianconeri (voto 6) sono verso la metà classifica dopo aver perso diverse buone occasioni, mentre i rosanero (voto 6.5) si portano a 13 punti in una posizione tranquilla.

    LaPresse

    Nella sfida di metà classifica tra INTER e VERONA non prevale nessuno e così il 2-2 ci sta comodo. Alla rete al 10′ di Toni risponde Icardi con una doppietta, ma Lopez riporta la situazione in equilibrio. Non c’è dubbio che i neroazzurri faticheranno non poco per conquistare un posto in Europa quest’anno: voti 6 per entrambi.

    Chiudono il quadro il pareggio tra SASSUOLO (6) e ATALANTA (6) che sorride a denti stretti a entrambi e vittoria per 2-1 del CHIEVO (6.5) sul CESENA (5.5) nella sfida salvezza, con reti di Djuric a pareggiare momentaneamente il gol di Pellissier prima della doppietta del valdostano al 90′ che pesa come oro.

    TUTTI I RISULTATI E LA CLASSIFICA DI SERIE A