Pagelle Serie A 2014/15: i voti dopo l’ottava giornata

Pagelle Serie A 2014/15: i voti dopo l’ottava giornata
da in Calcio, Fiorentina, Inter, Juventus, Milan, Serie A, Sport
Ultimo aggiornamento:
    Pagelle Serie A 2014/15: i voti dopo l’ottava giornata

    L’ottava giornata di Serie A 2014/15 è conclusa e riporta la Juventus a tre punti di vantaggio sulla Roma, che ora dovrebbe anche iniziare a guardarsi le spalle dalle arrembanti inseguitrici come Udinese e Fiorentina, a tre lunghezze dai giallorossi. L’ultimo turno di campionato ha visto la goleada del Napoli, vittorioso in casa per ben 6-2 contro il Verona, il successo rotondo del Cagliari di Zeman per 4-0 contro l’Empoli e l’ennesima sconfitta di un Parma che sembra ormai quasi irrecuperabile (anche se di tempo per risalire c’è). Scopriamo i voti con la nostra pagella.

    Partiamo subito dalla capolista JUVENTUS che batte per 2-0 il PALERMO con i gol messi a segno al minuto 32esimo del primo e al 64esimo del secondo tempo, prima da Vidal poi da Llorente che finalmente si sblocca, ma d’altra parte i bianconeri dovrebbero sfruttare un po’ meglio la sua abilità di testa. Voti 6.5 per i bianconeri, 5.5 per i rosanero.

    La ROMA si ferma contro la SAMPDORIA pareggiando 0-0 nello scontro al vertice di sabato. Il palo prima nega la gioia a Gervinho e poi il rinato Romero (che però ha dovuto sfruttare l’indisponibilità di Viviano) consentono a Ferrero di lanciarsi nella sua solita corsa salterina di esultanza a fine gara. Voti 6.5 per la Roma, 6 per la Samp.

    L’UDINESE a forza 16 si prende la terza posizione con un’altra vittoria di peso, questa volta contro una buona ATALANTA che esce sconfitta per 2-0 grazie alle reti di Di Natale prima e di Thereau poi che portano i bianconeri del Friuli a continuare a sognare in grande. Voto 7 per l’Udinese, 5.5 per l’Atalanta.

    Tanta noia e poche emozioni nel pareggio 1-1 tra FIORENTINA e MILAN che ha visto i rossoneri passare in vantaggio con De Jong nel primo tempo per poi venire ripresi al 65′ da una bordata di Ilicic. Una grande delusione soprattutto a livello di gioco questa sfida tra Inzaghi e Montella: voto 6 a entrambi.

    Erano a pari punti in classifica prima della sfida diretta, ma NAPOLI e VERONA escono con diversi stati d’animo dal match dato che gli azzurri creano almeno 20 occasioni limpide da gol mettendola dentro addirittura sei volte, con tanto di palo preso da Callejon e gol annullato ma regolare a Higuain che così si “accontenta” di una tripletta. E dire che Hallfredsson aveva illuso i veneti dopo nemmeno 30 secondi.

    Voto 8 al Napoli, 4 al Verona.

    Basta un rigore di Icardi al secondo minuto per dare i tre punti vittoria all’INTER contro il CESENA: i neroazzurri salgono così a 12 punti arrivando finalmente in doppia cifra mentre i romagnoli sono a sei punti in una zona molto pericolosa. Chissà se anche quest’anno partiranno come diesel per poi risalire nel finale. Voti 6.5 per l’Inter, 6 per il Cesena.

    Continua il buon momento di forma per la LAZIO che sconfigge per 2-1 il TORINO con le reti di Biglia e di Klose inframezzate dal momentaneo pareggio di Farnerud che ha illuso i granata, che in Europa League volano, ma in campionato sono ancora fermi a 8 punti e necessitano di un cambio di ritmo. Voti 7 alla Lazio, 6 al Toro.

    Continua a perdere il CHIEVO VERONA (5) anche dopo l’addio a Corini: il GENOA (6.5) passa grazie alla rimonta di Matri e Pinilla nel finale dopo il vantaggio di Zukanovic. Vittoria importante, netta e rotonda del CAGLIARI (7.5) nella sfida salvezza contro l’EMPOLI (5) sotterrato da 4 gol alla Zeman. Infine, vittoria del SASSUOLO per 1-3 in casa del PARMA nel derby emiliano che rilancia i Mapei boys contro i gialloblu sempre più ultimi e tristi.

    TUTTI I RISULTATI E LA CLASSIFICA DI SERIE A DOPO L’OTTAVO TURNO

    799

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalcioFiorentinaInterJuventusMilanSerie ASport
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI