Pagelle Serie A 2013/14: il 36esimo turno

da , il

    Pagelle Serie A 2013/14: il 36esimo turno

    Per una volta dedichiamo la copertina di queste pagelle di Serie A 2013/14 a un allenatore più che a un giocatore: che sia amato o odiato, Antonio Conte ha sicuramente scritto la storia della Juventus (e in generale del campionato) andando a vincere tre scudetti di fila con una media di 86 punti all’anno e con ancora due partite di buono per aumentare la media stessa e per frantumare il record dell’Inter (97 punti) andando a 102 punti. La sua Juventus vince 1 a 0 con l’Atalanta e se per la stagione in campionato si merita un 9.5, per questa sera non si può andare certo oltre il 6.5 vista la tanta imprecisione, forsa dovuta a bagordi e festeggiamenti un po’ – giustamente – esagerati. In casa ha sempre vinto quest’anno, l’Atalanta merita un 5.5.

    La Roma compie il proprio suicidio sportivo andando a perdere contro il Catania ultimo in classifica sotto i colpi di Izco (2), Bergessio e Barrientos e col gol della bandiera di Totti. I giallorossi sembrano aver mollato di colpo la tensione e la concentrazione e sembrano un’altra squadra, prendendo incredibilmente 4 gol. Voti: 8 per il Catania, 3 per la Roma.

    Mentre Napoli e Fiorentina giocheranno martedì, il derby di Milano termina 1 a 0 per i rossoneri con gol di De Jong su punizione di Balotelli. E’ stata una partita piuttosto scialba e opaca sotto il profilo del gioco, con un ritmo blando a usare un eufemismo e tantissimi errori. Seedorf sorride, la speranza per l’Europa League è ancora accesa seppur lontana, Mazzarri cade sempre più nello strapiombo. Voti: 6 per il Milan, 5 per l’Inter.

    E il Toro ne approfitta: i granata vincono uno a zero contro il Chievo Verona candidandosi a fregare il quinto posto all’Inter e inguaiando i veneti che ora ritornano in lotta per la retrocessione. Che campionato quello del Torino, può clamorosamente arrivare quinto soprattutto se settimana prossima vince contro il Parma e se l’Inter perde contro la Lazio in questi spareggi per l’Europa. Voti: 7.5 per il Torino, 6 per il Chievo.

    Il Genoa ormai scarico e svogliato pareggia 0 a 0 col Bologna che perde un’occasione ghiotta per cercare di mettersi in salvo con un po’ di anticipo. Voti 6 per entrambi.

    Gran bella vittoria per il Parma per due a zero su una Sampdoria ormai già in vacanza: prima l’ex Cassano poi Schelotto allo scadere confermano i tre punti che possono ancora far sperare i gialloblu nell’Europa, ma prima dovranno necessariamente battere il Torino nello scontro diretto. Voti: 7 al Parma, 5 alla Samp.

    Pioggia di gol in Udinese vs Livorno che finisce 5-3 con doppietta di Paulinho e rete di Mesbah per i toscani, doppietta di Di Natale e gol di Badu, Pereyra e Silva per i friulani. I primi prendono fiato e ossigeno purissimo, i secondi sono ormai da tempo in apnea e stanno per cedere all’inevitabile. Voti: 7 per l’Udinese, 5 per il Livorno.

    Infine il divertente 3 a 3 tra Lazio e Verona con Mauri che pareggia proprio al 93esimo dopo due rovesciamenti di fronte. Un pareggio che non fa male ma non fa nemmeno bene alle due pretendenti all’Europa League che ora perdono entrambe un prezioso punto dal Torino. Voti: 6.5 a entrambe.