Fiorella Mannoia al Festival di Sanremo 2017 con ‘Che sia benedetta’: l’esibizione sul palco del Teatro Ariston

La cantante conquista ancora una volta il pubblico della kermesse ed è tra le favorite per la vittoria

da , il

    Fiorella Mannoia canta ‘Che sia benedetta‘ al Festival di Sanremo 2017. L’esibizione sul palco del Teatro Ariston ha coinvolto ed emozianato il pubblico e i telespettatori, confermando la Mannoia come una delle veterane del panorama musicale italiano. Carlo Conti e Maria De Filippi, conduttori in tandem della 67esima edizione della kermesse di Rai 1, hanno introdotto la cantante presentando il suo brano inedito, in gara tra i 22 Big della competizione.

    SCOPRI TUTTI I CANTANTI IN GARA TRA I BIG DI SANREMO 2017

    Fiorella Mannoia al Festival di Sanremo 2017 ha portato la canzone ‘Che sia benedetta‘, offrendo un’esibizione nuovamente intensa e ineccepibile, che si conferma tra le favorite per la vittoria finale. Nel folto numero di artisti giovani provenienti dai talent show televisivi, la Mannoia si distingue per l’evidente preparazione e familiarità con il palco, accompagnata da una vocalità unica e un testo carico di significato, con cui in molti avranno avuto modo di empatizzare.

    La cantante è ormai una vera e propria certezza per gli amanti della musica italiana, tanto da aver calcato il palco del Teatro Ariston per un totale di cinque volte. L’esordio sanremese di Fiorella Mannoia avviene nel 1981, quando con ‘Caffè nero bollente’ conquista un posto tra i finalisti. Ci riprova nel 1984 con ‘Come si cambia’, che si classifica lontana dal podio, mentre nel 1987 conquista il Premio delle Critica grazie a ‘Quello che le donne non dicono’. Si piazza invece al decimo posto la canzone ‘Le notti di maggio’ nel 1988, di nuovo premiato con il riconoscimento degli esperti.

    Con ‘Che tu sia benedetta‘, Fiorella Mannoia torna su un palco a lei decisamente familiare, facendo suo il pubblico e i telespettatori. Fin dal primo giorno di Festival la Mannoia è stata tra le favorite al primo posto del podio, ma l’ultima parola spetta al televoto.