Shakira nei guai con il Fisco spagnolo: la cantante non ha pagato le tasse (in Spagna)

La performer di Waka Waka nei guai per il periodo compreso tra il 2011 e il 2014: Shakira avrebbe passato in Spagna più giorni di quelli consentiti dalla legge – sei mesi l’anno – dopo i quali, residenti o meno, le tasse vanno pagate al fisco spagnolo. Che ora chiede il conto alla cantante…

da , il

    Shakira nei guai con il Fisco spagnolo: la cantante non ha pagato le tasse (in Spagna)

    Shakira inseguita dal Fisco spagnolo: la cantante, sposata al calciatore Piqué, avrebbe evaso ‘decine di milioni’ e si aggiunge ad altri contribuenti celebri non in regola con le tasse, tra cui Leo Messi, Cristiano Ronaldo e José Mourinho. In realtà, Shakira avrebbe semplicemente compiuto una ‘svista’, avendo passato in Spagna più di 183 giorni, trovandosi così a dover pagare le tasse anche se non residente.

    Sessanta milioni di album venduti, 25 milioni l’anno incassati – solo dai tour, stando alle cifre diffuse da Forbes – tra il 2010 e il 2015, e, oggi, una controversia con l’Agenzia delle entrate Spagnola.

    Shakira in Spagna per più di 180 giorni: e il Fisco chiede il conto

    La frode fiscale sarebbe dovuta al fatto che tra il 2011 e il 2014 Shakira ha passato più di 183 giorni in Spagna, limite superato il quale è obbligatorio pagare le tasse in Spagna (mentre Shakira le avrebbe pagate nel Paese di residenza).

    A convincere gli ispettori spagnoli, il fatto che in quel periodo la popstar ha avuto due figli: Milan (2013) e

    Sasha (2015), cosa che rende ‘fattibile’ una residenza primaria a Barcellona.

    La povera Shakira, qualora fosse giudicata colpevole, dovrebbe non solo pagare, ma rischia anche la galera (fino a due anni).

    LEGGI: Piqué e Shakira sono in crisi? Il calciatore smentisce con uno scatto familiare

    Shakira froda il Fisco? La smentita dell’entourage e degli avvocati

    In realtà dall’entourage della performer dei Mondiali 2010 si getta acqua sul fuoco, sottolineando come ‘Si tratta solo di una differenza di criteri e non di frode fiscale, è stata solo usata una tecnica diversa’.

    L’avvocato di Shakira, Ezequiel Camerini , ha spiegato a El Confidencial che nel corso degli anni, essendo un’artista internazionale, la popstar ha soggiornato in svariati Paesi, ogni volta agendo in totale accordo con le leggi locali.

    Non è chiaro se la cantante pagherà o meno (lo ha fatto per esempio l’allenatore del Manchester United José Mourinho), ma alcuni prendono le difese di Shakira, parlando di una vendetta ‘traversale’ del Fisco, perché Piqué, difensore del Barcellona, pare si fosse apertamente schierato per l’indipendenza catalana.

    Archiviati i problemi coniugali (mai confermati e fugati dalle vacanze di Natale 2017 che la coppia ha passato a New York), ora Shakira deve risolvere i problemi con fisco: a decidere sarà la Procura.