Sara Daniele, figlia di Pino: ‘Dopo la sua morte ho iniziato a bere, ora sono rinata’

Parla Sara Daniele, figlia del grande Pino, a tre anni dalla scomparsa del celebre cantautore partenopeo: la ragazza rivela di aver superato momenti difficilissimi subito dopo la morte del padre, in cui aveva persino provato a trovar rifugio nell'alcol.

da , il

    Sara Daniele, figlia di Pino: ‘Dopo la sua morte ho iniziato a bere, ora sono rinata’

    A ormai tre anni dalla morte dell’indimenticato cantautore, Sara Daniele, figlia di Pino e della sua seconda moglie Fabiola Sciabbarrasi, ha raccontato i momenti durissimi che ha dovuto affrontare dopo l’improvvisa scomparsa dell’amato papà. Un lutto devastante che l’ha gettata in un abisso (‘Ero smarrita, fragile, irriconoscibile. Piena di rancore che riversavo su me stessa’) da cui però ha saputo brillantemente risalire grazie alla scelta di cambiare città (‘Vivo a Londra dove sono finalmente libera: nessuno sa chi sono, nessuno mi chiede di mio padre. Sono davvero ripartita da me stessa’) e all’amore di Fernando, un ragazzo italiano che ha conosciuto per caso.

    Oggi Sara Daniele ha 21 anni e il prossimo giugno si laureerà in marketing e comunicazione (‘Sono molto soddisfatta perché ho studiato quello che volevo. In futuro mi piacerebbe gestire gli artisti, seguirli nei loro tour’). Ma il percorso verso questo periodo molto felice della sua vita è stato irto di difficoltà. Difficoltà iniziate quel maledetto 4 gennaio 2015, il giorno della morte di Pino Daniele.

    Sara Daniele, che come molti di voi sapranno è amica intima di Aurora Ramazzotti, altra celebre ‘figlia di’, ha rivelato al settimanale Oggi di aver iniziato a soffrire specialmente nei mesi successivi alla morte del padre, quando il ‘rumore’ intorno alla sua famiglia si è spento e l’attenzione scemata. ‘Quando la gente pensava che ormai il brutto fosse passato’, ha ammesso la ragazza, ‘Proprio in quel momento è successo che mi sono persa, ma per davvero: trascorrevo le giornate in tuta e alle 11 del mattino avevo già il bicchiere di vino in mano. Odiavo tutto e tutti, per prima me stessa’.

    Per fortuna, però, ha capito da sola che non poteva continuare così e che papà Pino Daniele non sarebbe stato contento di vederla ‘buttarsi’ in quella maniera: ”Un giorno mi sono fatta coraggio e ho telefonato all’università londinese che mi aveva accettato l’anno precedente e ho chiesto di rientrare la sessione successiva. Ho sentito il bisogno di ‘scappare’ perché a differenza della mia famiglia non ero ancora riuscita ad elaborare il lutto, ma l’avevo solo accantonato’.

    Sara Daniele, fidanzata con il coetaneo Fernando (‘L’ho conosciuto in un locale dove stava lavorando come cameriere, da quella sera non ci siamo più lasciati’), ha detto che comunque suo padre continua a mancarle (‘Ma ho la fortuna di sentire ancora la sua voce’) e che per non sentirne troppo l’assenza preferisce pensare che sia impegnato in un lunghissimo tour.

    E su Instagram, nel giorno del terzo anniversario da quando Pino Daniele è morto, Sara l’ha ricordato con nuove dolcissime parole: ‘T’immagino seduto a guardarci, che ti vanti con gli altri angeli dei tuoi piccoletti: ti vedo ridere assieme a noi…’.