Melissa Satta: ‘La fama è bella ma mi manca l’intimità di una cena con mio marito’

L’ex velina e modella parla del lato oscuro della celebrità: ‘Mi piace essere sotto gli occhi di tutti, ma nel momento in cui vorresti intimità, non ce l’hai più. Mi manca poter andare a cena fuori con mio marito. Anche passeggiare al parco con Maddox è complicato’, rivela Melissa Satta. Che rivendica anche il suo passato da velina: ‘Sembra sia una colpa, ne sono fierissima’

da , il

    Melissa Satta: ‘La fama è bella ma mi manca l’intimità di una cena con mio marito’

    Melissa Satta ha un rapporto controverso con la fama, le piace ma vorrebbe anche qualche momento di intimità in più. L’ex velina racconta anche la sua famiglia – il marito calciatore Kevin Prince Boateng e il figlio di tre anni, Maddox – e confessa il ‘dispiacere’ per lo snobismo che i mondi di tv e moda provano l’uno per l’altro. Ma il cruccio più grande della Satta sembra essere non poter stare tranquillamente con marito e figlio, fermo restando che la fama le piace e le piace essere qualcuno.

    Nel momento in cui vorresti intimità, non ce l’hai più. Mi manca poter andare a cena fuori con mio marito. Anche passeggiare al parco con Maddox è complicato’: parola di Melissa Satta, che spiega così il lato oscuro della celebrità.

    Melissa Satta e il lato oscuro della celebrità

    L’ex velina e modella spiega dunque che sì, i pregi della fama sono tantissimi se, come a lei, a una persona piace esibirsi ed essere sotto gli occhi di tutti.

    Ma la troppa celebrità è fastidiosa nel momento in cui si vorrebbe intimità, ad esempio quando passeggia al parco con Maddox – che a tre anni non sa cosa vuol dire essere famosi – a volte il piccolo si spaventa quando fermano la mamma per una foto, mettendosi anche a piangere.

    LEGGI: Melissa Satta conduce Il padre della sposa: dal 5 ottobre su La5 in seconda serata

    Satta: ‘Io, felice con i miei uomini’

    In minoranza in famiglia (marito e figlio sono uomini), la Satta si dice felice così, perché ha sempre adorato i maschi e avuto con loro ottimi rapporti.

    Da piccola, i miei migliori amici erano maschi, anche adesso ho tante cose in comune con loro, prima di tutto con mio marito’, dice la Satta, definendosi un maschiaccio che da piccola giocava a calcio e che per lavoro conduce spesso programmi di calcio.

    Mi vestirei sempre in tuta, se potessi. Sono maschile anche nel modo di ridere e divertirmi’, confessa l’ex velina.

    LEGGI: Melissa Satta incinta del secondo figlio? ‘Non ancora, ma prima o poi…’

    Satta: ‘Fiera di essere stata una velina’

    E proprio a proposito del suo ex mestiere, Satta rivela di non capire lo snobismo di tv e moda, un mondo contro l’altro.

    La Satta spiega che spesso le dicono che è troppo commerciale, televisiva, ma oltre a non essere vero, la moglie di Boateng si chiede perché ci debbano essere queste barriere e ricorda che negli Usa Kim Kardashian è il più commerciale dei personaggi televisivi e appare anche nelle riviste di moda.

    In Italia invece – dice l’ex velina – sembra sia una colpa avere fatto Striscia la Notizia, mestiere di cui la Satta va fierissima: ‘Tutta la mia popolarità viene da lì. Per me è stato bello, mica mi sono sentita sminuita a essere una velina’.