Sanremo 2018, il regolamento vieta ai cantanti esibizioni dal vivo fino a febbraio: Capodanno a rischio per alcuni Campioni?

Stando alle regole del nuovo regolamento del Festival di Sanremo 2018, i 20 Campioni in gara non possono cantare dal vivo nemmeno le loro canzoni più vecchie, ma soltanto partecipare ad interviste senza esibizioni. A rischio Annalisa, Luca Barbarossa, Ermal Meta e Fabrizio Moro che figurano nei cast e nei concerti dei veglioni di Capodanno 2018.

da , il

    Sanremo 2018, il regolamento vieta ai cantanti esibizioni dal vivo fino a febbraio: Capodanno a rischio per alcuni Campioni?

    Una modifica al regolamento di Sanremo 2018 vieta ai cantanti esibizioni dal vivo fino a febbraio prossimo, quando dal 6 al 10 del mese andrà in onda la 68esima edizione del Festival di Sanremo. Una regola che già esisteva ma che veniva applicata soltanto dalla fine di gennaio, mentre quest’anno è stata anticipata al 25 dicembre 2017. Un problema che non mancherà di far discutere, perché molti dei Campioni in gara a Sanremo 2018 avevano già chiuso contratti e partecipazioni per il tanto sospirato Capodanno, con concerti e manifestazioni in tutta Italia che potrebbero seriamente saltare.

    Sanremo 2018, il regolamento vieta le esibizioni dal vivo fino al Festival

    Il regolamento di Sanremo 2018 è stato pubblicato sul sito ufficiale della manifestazione Rai, in onda dal 6 al 10 febbraio 2018.

    Al paragrafo ‘Attività degli Artisti’, il primo comma recava al solito la dicitura sulla durata del divieto di esibizione dal vivo, passaggi web, streaming, radio e tv dei cantanti dal 22 gennaio fino al Festival. Nel regolamento di Sanremo 2018, la regola viene anticipata alla data del 25 dicembre 2017.

    Leggi: I 20 concorrenti Big di Sanremo 2018

    In questo modo, stando al paragrafo modificato, senza autorizzazione scritta della Rai-Direzione di Rai Uno tutti i Campioni di Sanremo 2018 non potranno prendere parte a ‘manifestazioni, incontri o programmi che prevedano loro interpretazioni-esecuzioni di qualsiasi composizione musicale (anche se diverse da quelle presentate in occasione della competizione a Sanremo 2018), in diffusione televisiva, radiofonica, via internet’.

    In caso dovesse essere violata questa regola, la pena sarebbe l’esclusione del campione coinvolto da Sanremo 2018. L’unica concessione sono le interviste, sulle quali la Rai non ha posto alcun veto.

    Leggi: Loredana Bertè esclusa da Sanremo: ‘Non ho voluto cantare una canzone di Biagio Antonacci’

    Sanremo 2018, divieto di esibizione: i Campioni coinvolti

    Annalisa Sanremo 2018

    La nuova regola di Sanremo 2018 sul divieto di esibizione pubblica e partecipazione musicale dal 25 dicembre 2017 alle date del Festival coinvolge diversi Campioni in gara che avevano già confermato diverse ospitate pubbliche, come rilevato su Tvblog.

    A scanso di possibili deroghe di Rai Uno, sono interessati da questa regola Annalisa, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Noemi, Ron ed Enrico Ruggeri annunciati come ospiti del Capodanno in Musica di Canale 5 (quindi diretta concorrente di Rai Uno).

    Annalisa è quella più direttamente coinvolta visto anche il suo ruolo di coach ad Amici 17; ruolo che mette a rischio anche Giovanni Caccamo, altro concorrente di Sanremo 2018.

    Leggi: Tutti i concorrenti Nuove Proposte di Sanremo 2018

    Elio e Le Storie Tese dovrebbero essere ospiti da Fabio Fazio per parlare del (mancato) addio: in caso di intervista tutto bene, ma se dovessero esibirsi potrebbero essere esclusi per direttissima dal Festival.

    Altro Big a rischio è Luca Barbarossa, che conduce Radio 2 Social Club dal 2009 ogni mattina assieme ad Andrea Perroni: Barbarossa non si limita alla conduzione ma spesso canta e si esibisce anche con canzoni altrui, quindi è difficile stabilire quanto e in quali modi violi il regolamento di Sanremo 2018.

    Per i concerti di Capodanno in piazza, cui prenderanno parte alcuni dei Big coinvolti, non dovrebbero esserci grandi rischi di sorta visto che spesso si tratta di esibizioni dal vivo che non prevedono diffusione web, radio e tv, ma non è detta l’ultima parola: che spetta sempre e comunque alla Rai-Direzione Rai Uno.