Emma Marrone sul bullismo, l’incontro con i ragazzi: ‘Non c’è mai leggerezza in un insulto’

Ancora una volta Emma Marrone interviene su un fenomeno disastroso, purtroppo sempre più diffuso nella nostra società: il bullismo. La giovane cantante è stata accolta ed ascoltata per una buon'ora da centinaia di studenti, sensibilizzati ed invitati a profonde riflessioni dalla salentina. Rispetto, educazione, social network e comunicazione, tanti gli argomenti trattati ed approfonditi, per poi fare luce sulle origini di questo terribile fenomeno.

da , il

    Emma Marrone sul bullismo, l’incontro con i ragazzi: ‘Non c’è mai leggerezza in un insulto’

    Torna ad essere caldo il tema del bullismo, ripreso da Emma Marrone in un incontro con dei ragazzi. La cantante salentina è stata invitata al Teatro Coccia di Novara per esprimersi in merito al disagio che, purtroppo, coinvolge ancora molti studenti ed in particolar modo i più giovani, dalle elementari alle superiori. Centinaia i ragazzi presenti ad ascoltare i consigli di Emma, tra riflessioni ed il grande problema dei social network.

    Non poteva esserci testimonial migliore di Emma Marrone per parlare, dunque, di bullismo di fronte a centinaia di ragazzi. ‘I bulli non sono la parte forte, sono la parte debole’, ha affermato l’artista nell’incontro organizzato da La Stampa nel teatro novarese. Diverse le denunce avanzate da Emma al fine di sensibilizzare i giovani studenti, tutti ‘vittime’ di un fenomeno sempre esistito, sempre più diffuso. Ad accompagnare la chiacchierata, il giornalista Luca Dondoni.

    Leggi anche: Le Iene, Emma Marrone incontra un hater: ‘Ha fatto una caz**** e l’ha capito’

    Emma Marrone contro il bullismo: ‘I deboli sono i bulli’

    Ospite del progetto ‘Bullifuorilegge’, Emma Marrone è intervenuta contro il bullismo di fronte a centinaia di ragazzi, portando a riflessioni e sensibilizzando questi giovani cervelli.

    Il rispetto è la prima cosa, gli insulti non hanno mai leggerezza, la vita va oltre Instagram. Secondo quanto affermato dalla cantante, i bulli sarebbero le vere vittime del fenomeno, in quanto deboli e privi di sicurezze.

    Sono i bulli a perdere in partenza, perché non hanno rispetto per la vita degli altri’, dice Emma, ‘E un problema di educazione alla vita e al rispetto. I bulli, in realtà, non sono la parte forte, sono la parte debole perché è vero che le vittime vanno accolte e curate ma pensiamo a curare anche i bulli. Il bullo a sua volta arriverà da una situazione che l’ha fatto diventare tale’.

    E la parte peggiore di tutto ciò, secondo l’artista, ‘sono quelli che stanno a guardare e non dicono niente’.

    Emma motiva il fenomeno del bullismo: ‘Troviamo felicità distruggendo la vita degli altri’

    Il giornalista Dondoni ha domandato ad Emma Marrone cosa, secondo lei, causa tale fenomeno. Cosa spinge un individuo a fare branco e ad insultare un altro individuo?

    Secondo l’ex vincitrice di Amici il problema è che viviamo in una società infelice, nella quale spesso si prova piacere distruggendo la vita degli altri, denigrando ed insultando.

    ‘Il non abituarsi ad essere felici ha portato al deterioramento dei sentimenti. Trovare la felicità per noi stessi sembra essere diventato difficile, non siamo più abituati ad affrontare i nostri limiti, a superarli e a migliorarsi. Tutto ciò che succede ci insegna a distruggere la vita degli altri’.

    Emma parla poi di una fondamentale comunicazione, avendo avuto alle spalle una grande famiglia in cui si è sempre parlato di tutto.

    ‘Io sono stata formata da una famiglia, molto spesso si riducono le colpe alla scuola e alla società, ma la prima forma di società è la famiglia. I genitori devono dare peso alle parole’.

    Emma contro i social network: ‘Non sanno chiamare il 118 ma sanno fare una diretta Instagram’

    Inevitabile citare il problema dei social network, parte sempre più integrante delle nostre vite. La cantante salentina si è infuriata contro coloro che, nel momento in cui accade qualcosa, non sono in grado di chiamare il 118 ma hanno abilità nell’aprire Instagram ed iniziare una diretta.

    Una situazione disastrosa, perché la vita va oltre Instagram, va oltre i numerosi commenti ed i numerosi Like che condizionano quotidianamente la nostra esistenza.