Fausto Brizzi accusato di molestie da dieci attrici, il servizio de Le Iene sul caso

Dopo il caso del 'Weinstein italiano' sollevato da Le Iene, il nome di Fausto Brizzi ha iniziato a circolare sul web e sulle testate giornalistiche, fino alla denuncia esplicita di ben dieci ragazze intervistate dal programma di Italia 1. Tra queste, Clarissa Marchese e Alessandra Giulia Bassi sono state le uniche a decidere di metterci la faccia facendo il nome del cineasta romano.

da , il

    Fausto Brizzi accusato di molestie da dieci attrici, il servizio de Le Iene sul caso

    Il regista Fausto Brizzi è finito sotto accusa per presunte molestie sessuali nei confronti di alcune attrici. Il suo nome ha iniziato a fare il giro del web e delle testate giornalistiche in seguito al servizio realizzato da Le Iene sul ‘Weinstein italiano’ e nella puntata del 12 novembre 2017, dieci giovani attrici hanno confermato di aver subito delle molestie o delle violenze proprio dal regista romano.

    Finito nell’occhio del ciclone, Fausto Brizzi si è difeso dalle accuse di molestie sessuali e, poco dopo la messa in onda del servizio de Le Iene, ci ha tenuto a ribadire di non aver ‘mai avuto rapporti non consenzienti’. Lo show di Italia 1, tuttavia, ha precisato che molte delle ragazze intervistate hanno raccontato di casi di molestie subite da altri nomi del mondo dello spettacolo e del cinema italiano ma, ben un terzo di loro, ha fatto il nome del cineasta autore di Maschi contro femmine e Pazze di me, riportando un ‘modus operandi’ caratterizzato da svariati punti in comune.

    Leggi anche: Tea Falco molestata da un regista italiano: la testimonianza a Le Iene

    Clarissa Marchese e Alessandra Giulia Bassi accusano Fausto Brizzi

    Tra le dieci attrici che hanno accusato Fausto Brizzi di molestie sessuali, solo due di loro hanno deciso di farlo senza nascondere il volto.

    Sono state la ex Miss Italia 2014, Clarissa Marchese, e la modella Alessandra Giulia Bassi a puntare il dito contro il regista romano.

    ‘E’ stato Fausto Brizzi’ – hanno sentenziato le due a viso aperto, dopo aver raccontato nelle puntate precedenti ciò che è avvenuto e il modo in cui hanno deciso di interrompere i presunti tentativi di molestia da parte del regista.

    Le attrici che hanno deciso di nominare il ‘Weinstein italiano’ hanno raccontato di essere state ricevute in una casa adibita a studio e caratterizzata da una vasca idromassaggio e una sauna.

    Il modus operandi di Brizzi, dunque, sarebbe stato lo stesso: prima la convocazione per dei provini, poi il tentativo di fare dei massaggi cui sono seguiti degli approcci fisici sempre maggiori.

    Tra le attrici che hanno raccontato a Le Iene di aver subito delle molestie sessuali da parte di Fausto Brizzi, solo una di loro sarebbe stata costretta ad un vero e proprio rapporto, ma il nome di quest’ultima è rimasto segreto.

    Leggi anche: Le Iene, Clarissa Marchese vittima del Weinstein italiano: ‘Ho avuto a che fare con questo viscido’

    Faustro Brizzi: ‘Ho sospeso tutte le mie attività lavorative ed imprenditoriali’

    Dopo l’ondata di accuse da cui è stato travolto, Fausto Brizzi ha deciso di parlare tramite il suo legale difendendosi dalle accuse di presunte molesti e violenze nei confronti di giovani aspiranti attrici.

    ‘[…]Posso solo affermare, con serenità e sin da ora, che mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi’ – si legge nella nota, che prosegue con l’annuncio della sospensione delle attività lavorative per il regista romano.

    ‘In via precauzionale, e per evitare strumentalizzazioni, ho sospeso tutte le mie attività lavorative ed imprenditoriali’ – ha specificato Brizzi, concludendo – ‘Chiedo a tutti il massimo rispetto della privacy della mia famiglia e, in particolare, di mia moglie’.

    Dopo il servizio mandato in onda da Le Iene, il cineasta ha ribadito la sua estraneità ai fatti, mentre l’inviato di Italia 1, Dino Giarrusso, ha specificato di aver contattato più volte Brizzi per un confronto, ma il tutto è risultato vano.

    ‘Siamo pronti ad ascoltare la versione di Brizzi in ogni momento’ – ha concluso la ‘iena’ – ‘Ma anche quella di tutte le altre ragazze che sostengono di aver subito molestie’.