Stranger Things, 2 stagione su Netflix: tornano gli anni ‘80, torna il mistero di Hawkins

E' tempo di tornare ad Hawkins, è tempo di tornare in quei temibili anni '80: Stranger Things 2 stagione è sbarcata su Netflix venerdì 27 ottobre 2017. Dopo l'incredibile successo del primo ciclo di episodi, proseguono le indagini nell'apparente tranquilla cittadina statunitense tra oscurità, scenari paranormali e terribili mostri abitanti del Sottosopra.

da , il

    Stranger Things, 2 stagione su Netflix: tornano gli anni ‘80, torna il mistero di Hawkins

    Si è finalmente aperto un altro capitolo di Stranger Things, di cui la 2 stagione è già su Netflix. Tornano, dunque, gli anni ’80 ed il mistero di Hawkins, apparentemente tranquilla cittadina dell’Indiana scenario di una serie di incredibili e terrificanti eventi, mai visti prima. Gli inediti 9 episodi dedicati ai ‘fantastici quattro’ sono sbarcati sulla piattaforma online venerdì 27 ottobre 2017… giusto in tempo per alimentare la suspence di Halloween.

    Impazienti, dunque, i fan di ritrovare Mike, Dustin, Lucas e Will sulla scena di Stranger Things 2 per proseguire le indagini ad Hawkins. Prodotta da Netflix, la serie tv uscita nell’estate del 2016 ha riscontrato un incredibile successo in tutto il mondo proiettando gli appassionati telespettatori negli anni ’80 tra il ricordo di Derry di It, Castle Rock di Stand by me o l’Astoria dei Goonies, tra il ricordo degli horror di Stephen King e gli scenari di Steven Spielberg.

    Leggi anche: Narcos 3, la serie su Pablo Escobar torna su Netflix con i nuovi episodi

    Stranger Things 2, si torna al passato con nuove tecnologie

    La seconda stagione di Stranger Things è sbarcata su Netflix per la gioia dei milioni di appassionati alla storia, ambientata nel 1984 ma realizzata con tecnologie sempre più avanzate e all’avanguardia.

    Non è semplice poter interamente riflettere lo spettatore in uno scenario così lontano dal proprio con l’utilizzo del digitale. E’ questa la grande sfida affrontata, ancora una volta, dai produttori della serie Tv.

    Il vintage celebrato episodio dopo episodio è probabilmente la carta vincente dell’opera ideata da Matt e Ross Duffer, volto a sottolineare l’inquietudine e l’angoscia della cittadina statunitense.

    Incredibilmente veritieri gli elementi di scenografia: basti pensare ai walkie talkie e ai ricorrenti orologi da polso con calcolatrice inclusa.

    Per la seconda stagione di Stranger Things è stato tutto girato in 8k, per un incredibile effetto retrò.

    Leggi anche: Suburra – La Serie, 10 cose da sapere sul cult di Netflix

    Stranger Things 2 stagione: dove eravamo rimasti?

    Tutti pronti per un binge watching all’insegna di Stranger Things 2 ma… dove eravamo rimasti?

    Il primo episodio della prima fortunata stagione si apre di fronte ad una terribile scena ambientata in un laboratorio, inizialmente sconosciuto, ai confini di Hawkins.

    Buio. Successivamente la sigla. L’inizio ‘ufficiale’ della serie Tv si evince a casa di Mike, dove il dodicenne è impegnato con i suoi tre migliori amici nel seminterrato per una partita a Dungeons & Dragons.

    Tornando a casa in bicicletta, Will viene catturato da una strana creatura che si scoprirà essere il mostro Demogorgone, abitante del tanto temuto Sottosopra.

    L’agente Jim Hopper, inizialmente ubriacone e poco responsabile, farà di tutto per ritrovare il perduto figlio di Joyce, con la quale inizierà un viaggio di sintonia e complicità.

    Dal Sottosopra Will inizia, così, a comunicare con la madre attraverso l’elettricità creando suspence ed angoscia in uno scenario costituito da mostruose creature, oscurità e l’arrivo di una strana bambina, scappata dal temibile laboratorio di Hawkins: Undici (Eleven).

    La ragazza dotata di poteri paranormali viene nascosta a casa di Mike, impara a parlare e a comportarsi normalmente. Grazie ad Undici, la via d’uscita da questo spaventoso incubo sembra essere più facile.